di Linda Avolio


Gli attori che fanno parte del cast principale di The Walking Dead ormai l'hanno capito da tempo, e i fan della serie anche: non conta quanto un personaggio sia importante, c'è sempre la possibilità che possa essere fatto fuori improvvisamente!

Ne sanno qualcosa Jon Bernthal (Shane), Madison Lintz (Sophia), IronE Singleton (T-Dog), Michael Rooker (Merle), Sarah Wayne Callies (Lori) e Laurie Holden (Andrea), e purtroppo ora lo sanno anche David Morrissey (il Governatore) e Scott Wilson (Hershel), che hanno dovuto dire addio alla serie con l'ottavo episodio della quarta stagione.

Non che non ce l'aspettassimo: sapevamo che prima o poi l'atteso e temuto confronto tra il Governatore e Rick sarebbe arrivato, e sapevamo anche che quasi sicuramente sarebbe stato il primo a cadere e non il secondo, e se da una parte abbiamo avuto un vero e proprio momento catartico quando la lama della katana di Michonne ha trapassato il cuore del Sadico Bastardo, dall'altra un po' ci è dispiaciuto.
Perché il personaggio di David Morrissey l'abbiamo odiato con fervore, ma è pur vero che il Governatore è stato un pilastro narrativo per tutta la terza stagione, senza contare i due episodi della quarta interamente dedicati a lui (il sesto e il settimo), i più belli di questo nuovo capitolo televisivo.

Addio Governatore, dunque, e anche se ci mancherai ti diciamo senza problemi: marcisci all'inferno!!

La morte di Hershel, invece, è stata un vero e proprio pugno nello stomaco. Un po' perché è inutile negarlo: ci eravamo affezionati al Babbo Natale post apocalittico più cool di sempre. E poi perché il personaggio di Scott Wilson col passare degli episodi aveva acquistato un peso non indifferente nelle dinamiche della narrazione, specialmente in relazione al personaggio di Andrew Lincoln.

A farci imbestialire, però, è stato il modo in cui il vecchio Hershel è uscito di scena: dopo aver lottato a mani nude con uno zombie, dopo aver rimesso al suo posto quel pazzo di Shane, dopo essere sopravvissuto al morso di un non morto, è caduto a causa di un gesto a dir poco vigliacco.

Ma cosa pensano gli interpreti dei dipartiti? Ecco cos'hanno raccontato in alcune interviste rilasciate a HollywoodReporter. David Morrissey non ha dubbi, e per quanto possa dispiacergli non fare più parte dello show, pensa che il Governatore abbia assolutamente avuto quello che si meritava (ndr, per dovere di cronaca ci teniamo a precisare che i milioni di spettatori sparsi in tutto il mondo concordano con Mr Morrissey).
Scott Wilson, invece, ha dichiarato che se lo aspettava addirittura fin dai primi episodi di questo capitolo, ma considerando che il suo personaggio inizialmente sarebbe dovuto morire nel finale della seconda stagione, non se la sente di lamentarsi più di tanto!

Il compito più duro, però, l'ha avuto Scott Gimple, lo showrunner, che ha dovuto avvisare i due attori dell'uscita di scena dei loro personaggi. Pare che però alla fine Wilson e Morrissey l'abbiano presa con filosofia, e che, come da tradizione, siano usciti a cena con Gimple (ndr, gli interpreti di personaggi che vengono fatti fuori vincono automaticamente una death dinner, una cena della morte in compagnia dello showrunner di turno).
Una magra consolazione, non c'è che dire, ma almeno avranno brindato alla memoria di Hershel e alla dolorosissima morte del Sadico Bastardo!


La seconda parte della quarta stagione di The Walking Dead tornerà a febbraio 2014.