di Linda Avolio


Manca pochissimo al finale della terza stagione di The Killing, che andrà in onda martedì 21 gennaio alle 21:55 su Fox Crime HD, ma i punti da chiarire sono ancora numerosi.
D'altronde lo avevamo capito già durante la prima stagione: niente sfugge a Sarah Linden, e alla fine, purtroppo, i conti tornano sempre, anche grazie al prezioso aiuto di Stephen Holder, che pian piano ha dimostrato di essere un detective migliore di quanto non potesse sembrare all'inizio della serie.

A che punto siamo, dunque? Joe Mills è stato arrestato ed è stato riconosciuto da Adrian come l'assassino di sua madre, ma quando Danette confessa a Linden che Joe non era in città la notte dell'omicidio di Trisha Seward, Sarah è combattuta tra il desiderio di lasciare Mills a marcire in prigione e il bisogno di scagionare e salvare Ray.

Siccome Linden è convinta dell'innocenza dell'uomo, opta per la seconda opzione, dunque gioca la carta “non ha ucciso lui la moglie perché il figlio ha riconosciuto un altro uomo come assassino della madre”, ma è tutto inutile, perché Ray viene comunque processato in quello che probabilmente è il più bell'episodio di questa stagione, Sei Minuti. E' questa la durata dell'agonia del tormentato personaggio di Peter Sarsgaard prima di esalare l'ultimo terribile respiro.

Come se non bastasse, nell'undicesimo episodio (A un passo dalla fine, parte 1), viene ritrovato il cadavere carbonizzato di Angie Gower, l'unica sopravvissuta al killer, chiaramente eliminata dall'assassino per evitare di essere scoperto.
Holder e Linden fanno due più due e giungono all'unica conclusione possibile: siccome i dettagli riguardanti Angie non sono stati rivelati a nessuno al di fuori delle forze dell'ordine, l'omicida non può che essere un poliziotto.

Che sia Reddick, l'ex partner di Holder? D'altronde nella casa della prima vittima è stata ritrovata una foto che lo ritrae in compagnia della ragazza, ma resta comunque da chiarire in che modo l'uomo potrebbe essere legato a Adrian e Trisha Seward.

A proposito di Adrian, Linden trova la casa sull'albero costruitagli dal padre. E a quel punto la detective fa una scoperta sconvolgente: dalla casetta di legno Adrian aveva un'ottima visuale sullo stagno usato dal killer per scaricare i corpi delle vittime. E per “ottima visuale” s'intende il fatto che Adrian ha sicuramente visto il volto dell'assassino. Era il bambino l'obiettivo del killer, non sua madre!

Ed è proprio lui a essere in pericolo, perché ora che il caso è riaperto il killer vuole zittirlo una volta per tutte. Riusciranno Linden e Holder a scoprire l'identità dell'uomo e a fermarlo prima che colpisca di nuovo?


L'appuntamento con il finale della terza stagione di The Killing è per martedì 21 gennaio alle 21:55 su Fox Crime HD (ma dormite pure sonni tranquilli, perché la serie è stata rinnovata per un'ultima quarta stagione!).