Il 23 gennaio su Fox Crime (canale 116 di Sky) torna The Blacklist, uno degli show rivelazione dell'anno passato. Gli episodi della seconda stagione andranno in onda tutti i venerdì in prima serata, riportando l'agente Elizabeth Keen e il criminale riconvertito a collaboratore dell'FBI Raymond "Red" Reddington sul campo dopo l'incredibile finale di stagione, in cui hanno entrambi rischiato la vita per cercare di catturare il micidiale Berlino, con cui avranno ancora a che fare molto a breve. Abbiamo parlato delle novità che ha in serbo The Blacklist con uno dei protagonisti della serie, ovvero Diego Klattenhoff, che interpreta l'agente Donald Ressler.

La prima stagione di The Blacklist ha chiuso col botto. La seconda comincerà con la stessa energia?
Decisamente sì, non c'è mai un momento di tregua nello show, nemmeno per noi che ci lavoriamo!

Visto com'è andata, sentiremo ancora parlare di Berlino, non è vero?

Già... è un personaggio molto interessante. Penso che darà del filo da torcere a Reddington.

Senza rivelare troppo, come si evolve il rapporto tra Elizabeth e Red?

Man mano che si va avanti con la storia, Liz capisce sempre di più Reddington. E si crea sempre più un rapporto di fiducia, anche se Red è uno di cui non ti puoi mai davvero fidare. La loro è una relazione simile a quella che c'è tra un allievo e il suo mentore, ma non saprei nemmeno se definirla una relazione. In ogni caso Red ha tutte le risposte e con il procedere degli episodi verranno fuori sempre nuovi dettagli.

E Donald invece che cosa combinerà, nei nuovi episodi?

Beh, direi che prima di tutto cercherà di non farsi sparare un'altra volta! (ndA: ride)

La lista nera di nemici di Red è piuttosto lunga: pensi che riuscirà a terminarla prima della fine dello show?
Quella della lista di Red è stata un'idea grandiosa per lo show, perché potenzialmente potrebbe portarlo in ogni direzione e dargli una vita molto lunga. Staremo a vedere che succede...

Hai un episodio preferito, di The Blacklist?

Forse proprio Anslo Garrick, con Donald che rischia la vita e Red che si dà da fare per curarlo. È stato molto interessante.

Con quale personaggio ti identifichi di più: Donald Ressler di The Blacklist o Mike Faber di Homeland?
È difficile dirlo, perché si crea sempre una connessione con i proprio personaggi. Con tutti quanti. È necessario per arrivare a un'interpretazione credibile. Non lo so, stiamo a vedere, ma può darsi che sul lungo periodo la spunti proprio Donald...

Ti piacerebbe interpretare un villain in una serie tv?
Perché no? È stimolante calarsi nel ruolo di un cattivo... in effetti Reddington sarebbe un tipo interessante da interpretare!

After Earth, Pacific Rim: di recente al cinema hai lavorato parecchio nella fantascienza...

Sì, è vero. Tra l'altro sono un grandissimo fan della fantascienza - adoro Star Wars e Blade Runner - e il mio agente lo sa, per cui mi piacerebbe avere altre occasioni di questo tipo. Ma al momento, sia per fortuna che per sfortuna, The Blacklist è un lavoro a tempo pieno, quindi ci penserò più avanti!