Patrick Dempsey, nel cuore dei fan di Grey's Anatomy.  Il compito è toccato a Martin Henderson,  41 anni, neozelandese già visto nell'horror The Ring. Sarà lui a interpretare il nuovo "interesse sentimentale" della dottoressa Meredith Grey (Ellen Pompeo), la protagonista della serie ideata da Shonda Rhimes.

La tredicesima stagione di una delle serie più di successo e longeve della storia recente della tv americana andrà in onda dal 14 novembre, ogni lunedì alle 21, in prima visione assoluta su FoxLife (canale 114 di Sky) e Henderson, che sullo schermo interpreta il Dottor Nathan Riggs, si prepara a farsi largo nel cuore dei fan e il quello di Meredith.

Sostituire Dempsey, forse il più amato dei personaggi maschili della amatissima serie è impossibile e infatti Henderson mette le mani avanti intervistato dall’Ansa: "Non voglio sostituire nessuno, il mio è un personaggio molto diverso".  Anche sul futuro con Meredith si schernisce: "Un matrimonio o un'unione stabile sarebbe davvero mettere il carro davanti ai buoi. Quello che succederà fra questi due personaggi è che ci sarà qualche tira e molla,  in po' di gioco con il pubblico. Questo è quello che penso ma nemmeno io conosco molto. Shonda non ci fa sapere nulla in anticipo e si diverte a giocare con le aspettative di attori e pubblico per lungo tempo". 

Del suo personaggio dice: "Sono contento che sia neozelandese, il dottor Kiwi, così non ho dovuto concentrarmi molto sull'accento. Mi piace l'idea che sia un cardiochirurgo con un passato da medico di guerra in Medioriente, in grado di fronteggiare situazioni diverse". Anche se, quello del medico è un mestiere che mai avrebbe fatto nella vita reale: "Mai pensato di fare il medico nella vita, c'è troppo lavoro da fare, troppa pressione. Non mi ha mai affascinato il mondo vero della medicina, per quanto abbia un grandissimo rispetto per una professione così difficile e  importante. Ora poi, dopo aver fatto parte di questa serie ne ho ancora di più".

Per interpretare un medico in tv però si è preparato: "Prima di iniziare a girare ho assistito a vari interventi chirurgici. Uno in particolare mi ha colpito molto, era un'operazione a cuore aperto.  Ero nella postazione dietro il medico anestesiologo e ho visto tutto, dall'apertura del petto, alla separazione delle costole, a quando il cuore e i polmoni sono stati estratti e messi nelle macchine. Poi sono stati applicati i bypass nelle vene, è stato incredibile, un'esperienza che mi ha fatto aumentare il grande rispetto che ho per la categoria e mi ha fatto anche pensare. Prendiamo troppe cose per scontate. Non ci preoccupiamo troppo della nostra salute tanto ci sarà qualcuno che ci "aggiusterà", ma sarebbe il caso di stare più attenti". Cosa succederà nel futuro, alla serie e al Dottor Kiwi? Difficile fare previsioni. "Credo che in Shondaland qualsiasi cosa sia possibile, quindi staremo a vedere. Se la relazione fra Nathan e Meredith farà progressi le cose si faranno anche complicate, un po' per tutti".