Dopo l'ordinanza del comune di Milano che vieta la vendita e il consumo di alcolici ai minori di sedici anni non sono mancate le polemiche e le discussioni intorno al rapportra tra giovani e alcol Se infatti tra i riti di passaggio all'età adulta, c'è sempre stata la voglia di trasgredire, adottando, spesso in modo irresponsabile, comportamenti considerati adulti (e il bere rientra tra questi) molti in questi giorni hanno sostenuto che oggi il consumo di bevande alcoliche tra i minori è diventata un'emergenza sociale.


Ma qual è il rapporto che i giovani hanno con l'alcol? In epoca di social network basta farsi un giro su YouTube per avere un'idea della situazione. Indifferenti  al concetto di privacy tantissimi più o meno giovani si riprendono con videocamere o telefonini durante le proprie bevute per poi condividere il tutto in rete. Da chi gira finte campagna ministeriali, fino a chi, in barba ad ogni appello alla prudenza, si mostra alla guida di un automobile. Dai video qui sotto, solo un esempio di quanto si può trovare in rete, emergono vari approcci agli alcolici, da quelli più conviviali fino a quelli più estremi. Ad unirli tutti però la voglia di mettersi in mostra. Anche quando si cammina a quattro zampe.

C'è chi la butta a ridere e, durante una gita scolastica, gira delle finte lezioni in cui, a nome di un fantomatico Ministero per le politiche alcooliche, si spiega come farsi dei cocktail. Dal canale di MrCrocodile87




Altri non mancano di un gusto esbizionista estremo, come fa Frat666, che da Poggiponsi posta questo video, introdotto da un montaggio "tarantiniano" e che si chiude con tanto di titoli di coda.


Pezzanjak  mostra invece come bere una birra in soli due secondi


Senza nessuna considerazione dei vari inviti alla prudenza alla guida, Grabianchi che nel suo canale pubblica anche le sue spericolate corse in motorino per le colline romagnole, posta un video emblematicamente intitolato Ubriachi in macchina


Al cui confronto il video dal canale di Coccocieo, Vin Vinello, è decisamente più innocuo



Leggi anche:
Milano da bere addio per gli under 16. La rete si spacca