di Nicola Bruno

Prima lo stupore: "Ma è uno scherzo o è proprio vero? Mi sembra strano che la Marvel si sia venduta così tranquillamente...". Poi la delusione tra gli appassionati più fedeli: "Sono sotto shock... Non ho parole".
E quando da oltreoceano arriva la conferma ufficiale dell'affaire Disney-Marvel, parte subito la gara delle speculazioni. A tenere banco sono soprattutto i possibili crossover tra i personaggi delle due case. Tra chi auspica nuove (e improbabili) contaminazioni: "Speriamo tanto di vedere Spiderman vs Donald Duck"; "Quando Tempesta si vedrà tirare un bel pugno sul grugno, forse finità con un sontuoso ‘Gulp!’ ".
E chi (la maggioranza) si dice preoccupato per l'incontro di due "scuole" fin troppo diverse: "Già m'immagino i giochi di Spiderman disegnati in stile Aladin... Che brutta cosa. Per me questa non è una notizia felice, è una tragedia"; "Se fanno un crossover Super Pippo vs. Thor, giuro che pianto un casino!".

Il gioco dei crossover prende piede anche nella community di disegnatori digitali, che si lanciano subito nella creazione di mashup amatoriali. SuperPunch ha raccolto i migliori: Topolino in versione Uomo Ragno oppure da solo contro una falange di personaggi Marvel; Paperino prende le sembianze di Wolverine; l'Uomo Roccia (in versione Bestia) che abbraccia la Bella di Disney.

Con il passare delle ore, ad attirare l'attenzione degli utenti online sono soprattutto i possibili sviluppi industriali . C'è chi subito pronostica la nascita di un Marveland all'interno dei vari DisneyWorld. E altri che pensano alle ripercussioni nel settore dei games: "Non è che The Walt Disney Company ha appena comprato la Marvel anche per i suoi videogiochi? Topolino e Pippo, si sa, non vanno benissimo sui binari del divertimento elettronico".
In tutto ciò c'è anche chi chiede lumi sul futuro della nostra Panini Comics di proprietà della Marvel. Ottimista la risposta di Marco Lupoi fondatore dell'etichetta Marvel Italia: "Un'alleanza con un potenziale enorme, sulla quale però in rete si leggono commenti tra il ridicolo e il prevenuto, come se il Topo e il Papero potessero riuscire a zittire e forse soverchiare, imborghesire, lo spirito iconoclasta di Spiderman. Credo invece una volta tanto che possa succedere il contrario, che lo spirito avveniristico di Iron Man o quello epico di Thor, uniti alla magia Disney, possano travalicare ogni limite generazionale, e aprire l'universo della Casa delle Idee ancora a tanti, tantissimi lettori e spettatori, più che prima, più che mai".