di David Saltuari

Wikipedia
ha deciso di bloccare momentaneamente la pagina dedicata a Roman Polanski, il regista premio Oscar per Il Pianista in questo giorni fermato in Svizzera per l'accusa di stupro che lo insegue dal 1977. "La  pagina sarà protetta fintanto che i conflitti non saranno risolti", si legge in un messaggio pubblicato dall'enciclopedia online. Ufficialmente il motivo sarebbe legato all'indecisione se prediligere la carriera cinematografica del regista o le sue vicende giudiziarie. Ma la questione riporta alla luce il problema legato all'uso che i media fanno di wikipedia e alla prudenza da adottare quando le modifiche si alternano troppo velocemente.

Wikipedia è l'enciclopedia online realizzata direttamente da tutti gli utenti. Una condivisione globale del sapere che ha rivoluzionato la conoscenza in rete e dove le voci spesso vengono aggiornate in tempo reale, più velocemente di quanto i quotidiani riescano a darne notizia. Ma proprio questa estrema velocità di aggiornamento, affidata direttamente agli utenti, rischia a volte di creare confusione tra i concetti di cronaca e quello di Storia.

Wikipedia è, infatti, troppo spesso usato dai media come fonte di documentazione veloce, media che spesso copiano e incollano le informazioni che trovano sull'enciclopedia online, senza andare a verificarne la veridicità. E, considerato che, spesso, le voci su Wikipedia sono aggiornate in base a quanto riportato dai giornali, si rischia di cadere in un vortiche che moltiplica gli errori.

Un caso emblematico si è avuto pochi mesi fa e ha coinvolto un ministro del precedente governo di Angela Merkel, quello per l'economia Karl Theodor Maria Nikolaus Johann Jacob Philipp Franz Joseph Sylvester Freiherr von und zu Guttenberg.  Di origini nobili e con un cognome lunghissimo, ulteriormente allungato, nella sua pagina di Wikipedia, da un Wilhelm inserito per sbaglio da un utente. L'errore era stato corretto velocemente, ma non abbastanza da impedire che un agenzia di stampa tedesca, alla ricerca di informazioni sul ministro appena nominato, copiasse la sua scheda, sbagliata, dall'enciclopedia online. Il lancio di agenzia venne ripreso dalle principali testate e ripubblicato senza controllo. E così quel Wilhelm inesistente si è diffuso per tutti i media germanici.

A questo punto, un solerte utente, ignaro del precedente errore di Wikipedia, si accorge che c'è una discrepanza tra il nome riportato dai giornali e quello pubblicato su Wikipedia, si logga sull'enciclopedia online e, forte di quanto detto dalla carta stampata, reinserisce in assoluta buona fede quel Wilhelm sbagliato nel lunghissimo nome del ministro. Per giorni nessuno più capisce qual è il nome esatto, con i giornalisti da un lato che portano a loro sostegno la pagina di Wikipedia, e gli utenti di Wikipedia che fanno lo stesso con i giornali, finché, come racconta Punto Informatico, la Bild ristabilisce la verità.

Casi rari? Mica tanto. Neanche il mondo SKY ne è rimasto esente. Una delle prove di Formula SKY, il fantagioco dedicato alla Formula 1, consiste nel rispondere a domande di cultura automobilistica. Alcuni giocatori, particolarmente attenti alla tecnologia, sapendo che gli altri concorrenti sarebbero andati su Wikipedia a cercare le risposte esatte, sono entrati nell'enciclopedia online per modificare le informazioni e trarre in inganno gli altri giocatori.

Wikipedia alla fine resta una fonte più che attendibile, la cosidetta intelligenza colletiva riesce in breve tempo a trovare tutti gli errori e correggerli. Quello che è vero, però, è che Wikipedia è un'enciclopedia e non un giornale, una fonte, cioè, di informazioni ormai storicizzate e non qualcosa che segue la cronaca. L'errore è nel cercare di usarla per avere informazioni di cronaca attuale e, da un punto di vista giornalistico, non prendersi la briga di verificare l'attendibilità della fonte.