di David Saltuari

Era il 1969 quando sulla BBC, l'autorevole televisione pubblica inglese, esordirono i Monty Python un gruppo di comici che avrebbe cambiato per sempre il modo di fare televisione e cinema. Se nei dieci anni precedenti i Beatles avevano cambiato per sempre il mondo della musica, nei cinque anni successivi, fino al 1974 quando andò in onda il loro Flying Circus, i Monty Python avrebbero cambiato il modo di fare televisione e cinema. Il paragone sembra azzardato? Eppure, mai nella storia della televisione, un programma come il loro è stato tanto citato, copiato, omaggiato e ricordato. Certo, oltre al Flying Circus ci sono stati i loro film e ognuno dei cinque componenti del gruppo ha continuato, nei propri lavori, a portarsi dietro una scintilla di quella genialità. Ma fu soprattutto la loro esperienza nel piccolo schermo a ribaltare completamente il concetto di comicità televisiva. Un successo che ancora oggi, quarant'anni di distanza, viene celebrato con un entusiasmo inviadible anche sul web.

Si parte ovviamente dal loro sito ufficiale, gestito da Eric Idle; un luogo dove non si trovano soltanto omaggi ai bei tempi andati, ma che viene regolarmente aggiornato con nuove idee e suggestioni. Imperdibile, in questo senso, il ricordo di Douglas Adamas scritto da Terry Jones (Adams, scomparso nel circa dieci anni fa, oltre ad essere stato autore per i Python ha scritto il romanzo cult Guida Galattica per autostoppisti). Non può mancare il sito non ufficiale, ricco invece proprio di quei memorabilia, ricordi, immagini e suoni che celebrano il grande passato di questo straordinario gruppo di comici inglesi.

Per chi cerca video il posto migliore è senza dubbio YouTube, dove oltre al canale ufficiale dei Monty Python, si possono praticamente trovare tutti i loro scetch in tutte le lingue e sottotitalure. A cominciare da quello dell'Inquisizione spagnola, che vede qui sotto, considerato un vero classico.




Ma di momenti storici, nel gruppo inglese, ce ne sono stati tantissimi. Talmente tanti che un loro fan ha deciso di costruire un muro con tutti i loro video. In un colpo d'occhio gli sketch più amati e noti, dalla televsione e dai loro film. Se invece preferite cercare per titoli un altro fan ne ha raccolti 150 in una sola pagina. Per i veri fan, invece, un sito danese offre tutti, ma proprio tutti, i testi in inglese delle loro puntate televisive.

Non manca neanche la gadgettistica in questo omaggio ai Monty Python. A parte l'ovvio portachiavi e il gioco di carte, in rete si può trovare una versione pelouche del feroce coniglio mannaro uccisore di cavallieri in Alla ricerca del sacro Graal, oppure la versione da tavolo del cavalliere che nello stesso film si fa smembrare senza mai stare zitto. Se siete invece più 2.0 potete divertirvi con questo generatore online di camminate beote.

Tratutte le cose che hanno inventato i Monty Python, però, c'è ne anche una di cui faremo volentieri a meno, ma che ci troviamo nella posta tutti i giorni. La parola spam infatti, intesa come qualcosa che viene ripetuto fino allo sfinimento, nasce da questa gag qui sotto: