di Marco Agustoni

La sentenza spetta solo a voi giocatori: PES 2010 o Fifa 2010? Dite la vostra nel Forum videogiochi. La fotogallery di PES 2010

Da anni ormai, con l’inizio dei campionati di calcio, si accende una sfida tradizionale, pari per agonismo al derby milanese o a una finale di Champions tra Barcellona e Manchester United. Stiamo parlando dello scontro tra i due titoli calcistici più amati del mondo dei videogame, ovvero Pro Evolution Soccer della Konami e Fifa della Electronic Arts. Questi ultimi sono già usciti il 2 ottobre con Fifa 10, che ha soddisfatto le aspettative e in poche settimane ha venduto milioni di copie. Ora la risposta tocca a PES 2010, uscita per Playstation 3, X-Box e Pc il 22 ottobre, e in uscita per Playstation 2 il 6 novembre e per Wii il 20 novembre.

Per un po' Fifa ha dominato il mercato. Poi, in tempi recenti ha cominciato a perdere terreno, soppiantato dall’agguerrito Pro Evolution Soccer e dalle innovazioni a livello di giocabilità che questo titolo ha introdotto. Nel corso dell’ultimo biennio, però, a detta degli appassionati Fifa ha riguadagnato terreno. Ecco come PES 2010 sembra voler rispondere a Fifa 10. Innanzitutto, con delle migliorie dal punto di vista del gameplay: Fifa ha raggiunto un ottimo livello per quanto riguarda la simulazione, conferendo agli incontri un realismo notevole, sia da un punto di vista “fisico” che tattico. PES, finora più forte dal punto di vista della giocabilità pura, sembra voler sfidare Fifa 10 sul suo stesso campo, investendo proprio in direzione di un maggiore realismo. Particolare attenzione, a detta degli sviluppatori, è stata indirizzata alla modalità di gioco in muliplayer e allo sviluppo di nuovi e più convincenti movimenti dei giocatori.

Pro Evolution Soccer può andare sul sicuro per quanto riguarda l’aspetto grafico, dove Fifa 10 dimostra ancora delle carenze (i volti dei giocatori, tanto per fare un esempio, sono poco caratterizzati). A giudicare dalle immagini girate finora su PES 2010, il divario si farà ancora più evidente. Un altro punto chiave riguarda invece i miglioramenti dell’Intelligenza Artificiale, per far sì che gli avversari controllati dal computer ma anche i giocatori della propria squadra non comandati direttamente, si comportino nel modo più razionale possibile: in questo senso, in PES 2010 sarà possibile influenzare in maniera sempre più precisa il comportamento della propria squadra, che si adeguerà meglio alle tattiche e alle strategie adottate.

Un ambito in cui Fifa 10 ha investito molto riguarda la componente manageriale del gioco. Nella modalità Allenatore è infatti possibile controllare la propria squadra nell’arco di una serie di stagioni sotto ogni aspetto, dalla preparazione fisica alla ricerca di nuovi talenti, dalla firma di accordi di sponsorizzazione ai rapporti con la dirigenza, fino ovviamente alla scelta delle tattiche e alle partite vere e proprie. Anche PES 2010 è migliorato in questo senso: la Master League consta ora di tre sezioni differenti – Club House, Stadium Walk e Office – attraverso le quali si potranno curare tutti quanti i dettagli della squadra allenata. Nota dolente per PES 2010, invece, sono le licenze: per quanto la Konami si sia assicurata i diritti di Champions League ed Europa League, a livello di campionati e squadre utilizzabili, Fifa 10 offre una scelta decisamente maggiore, con tornei che vanno dagli Stati Uniti all’Australia. In PES 2010, i campionati interamente licenziati sembrerebbero essere, per il momento, solo quello italiano, spagnolo e francese.

Guarda la fotogallery di PES 2010