di Floriana Ferrando

Con una folta chioma mora e vestita di sensuale lingerie, la donna robot  realizzata dalla True Companion del New Jersey e presentata all’Adult Entertainment Expo di Las Vegas si chiama Roxxxy ed è il primo sex-robot di tutti i tempi.

Il sesso, però, c’entra solo fino ad un certo punto: “Stiamo cercando di replicare la personalità di una vera donna”, spiega al Telegraph l’ideatore Douglas Hines. L’idea è quella di creare una vera e propria compagna di vita in grado di ascoltare e, addirittura, parlare. E per la gioia di tutti i maschietti, Roxxxy sa parlare anche di calcio! Il robot si aggiornerà continuamente via Internet attraverso una connessione senza fili, al fine di espandere le sue capacità e il vocabolario.

Progettata per "sapere esattamente che cosa ti piace", è dotata di cinque personalità e produce commenti a seconda di come viene toccata, grazie a una serie sensori posizionati in zone strategiche. La scelta è davvero ampia: c'è l’avventurosa Wild Wendy, Frigid Farrah per i più timidi, Mature Martha, S&M Susan e una bambola senza nome dalla personalità un po’ naïf.

Attenti a non banalizzare, spiega l’ideatore, non si tratta solo di un’innovazione da diporto, ma  di un gadget che può tornare utile alla gente timida o con problemi sessuali. D'altronde già nel 2007, David Levy nel suo libro Love And Sex With Robots, sosteneva che i robot sarebbero diventati partner sessuali sempre più importanti, rispondendo ad esigenze che gli esseri umani non sono in grado o non vogliono più soddisfare. E anche Mr. Hines la pensa così.

Sul mercato europeo e statunitense da sabato scorso, Roxxxy costa dai 7000 ai 9000 dollari. Spiccioli se si pensa che il progetto è costato dai 500 mila al milione di dollari, con più di due anni di intenso lavoro. Le donne non disperino, prima o poi arriverà Rocky, la versione maschile.

Intanto, molte altre novità si sono guadagnate la ribalta dell’Adult Entertainment Expo, la fiera del sesso hi-tech che si tiene quasi in contemporanea con il Consumer Electronics Show. Una sovrapposizione che non deve sorprendere: da sempre l’industria del porno ha fatto da apripista per la tecnologia di massa, dalle VHS alle chat online.

Fra gli altri curiosi gadget sessuali in mostra a Las Vegas, il Real Touch da AEBN, un dispositivo che di fronte a video a luci rosse fornisce un feedback tattile, cosicché ogni uomo potrà soddisfare i suoi più intimi desideri. O il OhMiBod, che coniuga piacere e tecnologia proponendo vibratori “a tempo di musica”, da collegare ad iPod, iPhone e dispositivi simili.