di Francesco Chignola

Avete presente quel luogo comune secondo cui gli abitanti di New York sarebbero freddi, scontrosi e antipatici? Come è possibile sfatare un mito così radicato? Il comico Mark Malkoff, 33 anni, newyorkese DOC e innamorato della sua città, ha avuto un'idea azzeccata: attraversare l'intera isola di Manhattan, dall'imbarco per il traghetto che va a Staten Island fino al punto più a nord dell'isola, senza usare nessun tipo di mezzo, senza camminare, e senza mai toccare terra. Come? Semplice: facendosi trasportare in braccio dai malcapitati passanti.

Sembra una sciocchezza: ma stiamo parlando di quasi 10 miglia di distanza. Che Malkoff ha affrontato con stoica determinazione, tra tratti più fortunati e interminabili pause. Come se non bastasse, tutto ciò sotto la neve del gelido gennaio newyorkese. E alla fine ce l'ha fatta: il testardo attore ha percorso il suo viaggio impossibile senza sgarrare, tutto ciò grazie all'aiuto di ben 155 disponibilissimi abitanti della città. Il risultato è ovviamente un video divertentissimo, segnalato immediatamente su siti di culto come BoingBoing o Huffington Post e persino dalla CNN.



Questa non è però la prima volta che Mark Malkoff fa parlare di sé. Due anni e mezzo fa infatti aveva provato a svolgere un'altra impresa davvero eccezionale: quella di visitare tutti i 171 Starbucks della città di New York in un solo giorno. E non solo: di consumare qualcosa in ciascuna di queste caffetterie. Anche in quel caso, missione compiuta. E un video virale che fece impazzire gli americani.



I progetti folli e genialoidi del comico americano non si fermano qui: un paio d'anni fa Malkoff per un certo periodo si trasferì a vivere all'interno di una sede dell'IKEA nel New Jersey, e nello scorso giugno, per superare la paura di volare, ha vissuto un mese dentro un aereo battendo il Guinnes dei Primati per la maggior parte di voli nell'arco di un mese, ben 135. L'ultima scommessa prima della traversata di Manhattan si chiama infine Keys to the city: Malkoff ha viaggiato per circa tre mesi tra piccoli centri abitati degli Stati Uniti per ottenere più "chiavi della città" possibili dai sindaci. E il suo desiderio è stato accontentato novantacinque volte.