di Floriana Ferrando

Nelle scorse settimane non si è parlato d'altro: il tanto atteso iPad di Apple. Fra critiche ed entusiasmi, la Mela morsicata non è la sola a darsi da fare con i computer di ultimissima generazione.

Chi è rimasto un po' deluso dalla presentazione di Steve Jobs può tirare un sospiro di sollievo. All'orizzonte già si fanno il largo diversi agguerriti concorrenti dell'iPad. Slate è il tablet targato Hp, con funzionalità multitasking (l'iPad non lo è) e multitouch, Atteso dal mercato nel corso di quest'anno, il computer a tavoletta ultracompatto con Windows 7 promette una "rich media experience". E si spera sia davvero così. Dopo cinque anni di lavori un flop sarebbe imperdonabile.

Interessante la duplice funzione del monitor LCD di Notion Ink. Resta un solo dubbio: Android sarà il sistema operativo adatto ad uno schermo a dieci pollici?

Se il vostro portafogli sta per scoppiare, tirate fuori mille dollari e il gioco è fatto: il Lenovo IdeaPad U1 è vostro. All'apparenza un normale portatile, ma quando vorrete potrete staccare lo schermo ed ecco trasformarsi in un tablet multi-uso. Altrimenti potete scegliere Archos 9, se riuscite a rinunciare al multitouch. In compenso, prezzo relativamente accessibile (500 dollari) e libera scelta in materia di browser.

Acer, grande nome del settore, alza invece bandiera bianca. Sembrava aperta la sfida alla Apple, ma qualcosa è cambiato. Secondo il presidente di Acer Taiwan, Scott Lin, Apple ha strutturato il suo business attorno alla creazione di una sua nicchia e quindi può avere successo con dispositivi come l'iPad, mentre è improbabile che altri operatori riescano a replicare i suoi risultati semplicemente copiando. Insomma, si tratta di un prodotto che non potrebbe andare bene per il segmento di mercato al quale Acer si rivolge.

Nel panorama delle tavolette ultrapiatte dove con un dito si apre un mondo, non ci sono solo grandi nomi. È il caso della Fusion Garage di Hong kong e del suo JooJoo. Magari non bello come l'iPad e più simile ad un iPod Touch gigante che ad un tablet, ma vanta ottime caratteristiche tecniche: schermo tattile ad alta risoluzione dove poter visualizzare in streaming video in alta definizione, camera digitale integrata, Bluetooth e Wi-Fi, browser e sistema operativo proprietario, e molto altro ancora. E se siete sempre di fretta questo è quello che fa per voi: il dispositivo si attiva in soli nove secondi.

Poteva forse mancare la grande G? No di certo. È ancora tutto sulla carta, ma il progetto promette bene. Google ha intenzione di sviluppare un proprio dispositivo multimediale touch basato su Chrome Os. Anche in questo caso le aspettative sono molte: accesso diretto all'Android Market per scaricare le applicazioni on line e a Google Editions per accedere alla libreria digitale che sarà lanciata in primavera. E questo è solo un assaggio.

Insomma, la scelta non è semplice. Ma nell'era dei NetTab non potete fare a meno di un bel pc a tavoletta. Secondo le analisi di Deloitte quello dei tablet può diventare una moda di massa: saranno addirittura dieci milioni le persone che compreranno nel corso del 2010 uno di questi nuovi dispositivi. Il punto di forza? Un perfetto compromesso fra pc, ancora troppo ingombranti e costosi, e smartphone, con schermi ancora troppo piccoli per vedere comodamente un film o navigare in Rete.