Guarda la fotogallery

di Floriana Ferrando


Pensate di condurre uno stile di vita sano, che vi permetterà di sfoggiare un ottimo aspetto anche andando avanti con l'età? Vediamo se i vostri sforzi saranno premiati. A darvi una risposta è MirrorMe, l'applicazione per Facebook che vi permette di scoprire quale sarà il vostro aspetto fra qualche anno. Il meccanismo è semplice: caricate una foto, rispondete a un semplice quiz e il gioco è fatto. Il questionario riguarda la storia personale e lo stile di vita: origine etnica, età, consumo di frutta e verdura, ore di sonno, attività fisica, e via dicendo. Non mancano, ovviamente, domande sull'uso di droghe, sigarette e bevande alcoliche.

La scelta della foto da sottoporre al programma è delicata. Serve il vostro volto in primo piano, ben illuminato, che guarda dritto davanti a sé. La classica posizione da foto segnaletica, per intenderci. Se siete stati da poco in gattabuia avrete di certo una foto simile, per gli altri la ricerca potrebbero essere più difficile. Per questo MirrorMe ha pensato di permettere l'upload anche da disco rigido e non solo dalle foto già presenti sul profilo Facebook. A questo punto non vi resta che lasciare agire l'applicazione. In base alle risposte date, il vostro volto si modificherà nella forma e nel colore ed ecco apparire un'immagine a schermo diviso con voi oggi e domani.

I risultati non sono incoraggianti: denti ingialliti, rughe dappertutto, macchie scure sulla pelle e occhiaie da film dell'orrore. Ma non disperate, l'immagine è proiettata nel futuro e chi vuole ha tempo per recuperare. Quindi non solo un'occasione per farsi una risata, ma anche un incoraggiamento per migliorare le vostre abitudini quotidiane. Ovviamente bevitori e fumatori saranno quelli a doversi dare maggiormente da fare. L'applicazione prodotta dalla Ideonic ha anche ottenuto dei riconoscimenti ai 2009 Interactive Media Awards e ottenendo il premio Outstanding Achievement Lifestyle. MirroMe continua la sua corsa, è in lizza per il concorso organizzato dal Guardian, Media Guardian Innovation Award e sta producendo una versione per iPhone.

Ma c'è davvero da fidarsi? In molti sono scettici. Qualcuno ha ripetuto il procedimento una seconda volta mentendo sulle cattive abitudini ma il risultato sembra sia rimasto lo stesso. Altri sostengono che chiunque potrebbe ottenere le stesse immagini semplicemente utilizzando Photoshop. Insomma, non prendetelo troppo sul serio, ma un tentativo fatelo. Una risata fra amici è assicurata.