di Francesco Chignola

Adesso che i più grandi realizzatori di videoclip di sempre, come Spike Jonze o Michel Gondry, sono diventati dei registi cinematografici a tempo pieno, è giunto il tempo di cercare nuova linfa, nuove firme e nuovi autori, per il mercato dei video musicali. E non è strano né sorprendente che sia gli artisti sia le case discografiche si siano accorti da tempo che, soprattutto grazie allo stimolo portato dalla diffusione dei siti di video sharing come Youtube, il web è un terreno assai fertile dove coltivare nuovi talenti. Anzi, spesso e volentieri i migliori frutti sono già maturi, pronti da cogliere.

L'ultimo esempio l'ha fornito Moby, dopo aver scelto circa un anno fa un gigante come David Lynch per dirigere il video della sua canzone Shot in the back of the head. Seguendo l'esempio illustre di molti colleghi tra cui i Radiohead, che circa un anno e mezzo fa scelsero il videoclip d'animazione che accompagnava Reckoner attraverso un concorso online, il dj newyorkese ha affidato proprio a un contest il destino del suo nuovo singolo, intitolato Wait For Me. Per trovare le immagini giuste per la sua canzone, ha indetto infatti un concorso sul sito Genero.tv, su cui è ancora possibile vedere tutti i video e scoprire i finalisti della gara.

Con un premio ben preciso: 5000 dollari in contanti al primo classificato. Una cifra che però suona quasi irrisoria al confronto del vero risultato: quello di diventare a tutti gli effetti il video ufficiale dell'artista che nel 1999 con Play vendette 10 milioni di copie in tutto il mondo. E il fortunato vincitore non poteva essere più azzeccato: è questo piccolo capolavoro d'animazione retrò, realizzato dal 28enne tedesco Maik Hempel, che ha immaginato con ironia e un pizzico di malinconia la giornata tragica infernale di un uomo medio, ispirandosi alla grafica dei videogiochi a 16 bit.