L’idea era semplicemente geniale: celebrare i 30 anni dal lancio del videogioco Pac Man trasformando il logo di Google nello stesso videogame. Non, però, solo con un’immagine: ma rendendo di fatto il logo stesso un “livello” del videogioco, pienamente utilizzabile. Tanto è bastato perché il popolo di internet impazzisse letteralmente e smettesse praticamente di lavorare.

A certificare questo andamento negativo è stato un blog the Rescue Time, un portale specializzato in management d’azienda, che analizza i siti web visitati dai dipendenti delle aziende clienti. Il sito ha così calcolato che la brillante idea di Google ha fatto predere milioni di dollari in produttività. Attraverso alcuni semplici passaggi matematici, escono fuori cifre davvero strabilianti. Di solito, infatti, nessuno va su Google per rimanerci più di pochi secondi: il tempo necessario a inserire le chiavi di ricerca e partire per altri lidi. E in ogni caso, l’utente medio rimane su Google per non più di “quattro minuti e mezzo al giorno”, divisi fra 22 pagine visitate. Ebbene, comparando i dati di prima e dopo l’introduzione di Pac Man su Google, Rescue Time è in grado di affermare che l’utente medio ha passato su Google, grazie al giochino sulla home page, ben “36 secondi in più”. E perciò, avendo avuto Google in quel venerdi oltre 500 milioni di visitatori, Pac Man ha mandato in fumo quasi 5 milioni di ore di lavoro; e se stimiamo che lo stesso utente medio “ha un costo di 25 dollari all’ora”, Pac Man su Google ha bruciato oltre 120 milioni di dollari in mancata produttività.

Tuttavia visto il successo di questa iniziativa Google ha deciso di rendere stabile il videogioco: che non si trova più in home page, ma all’indirizzo www.google.com/pacman/. Secondo Google, comunque, solo una parte degli utenti del motore di ricerca ha realizzato che quello a cui si trovavano di fronte era un vero e proprio videogioco: anche perché per giocare bisognava schiacciare il pulsante “Insert Coin” (inserisci la monetina) che sostituiva il normale “Mi sento fortunato”.