Google ha annunciato dal proprio blog di voler introdurre entro brevissimo tempo gli sfondi nella propria home page. Si tratta di una funzionalità che strizza l’occhio agli amanti della personalizzazione ma anche a chi ha apprezzato fino ad oggi Bing, motore di ricerca targato Microsoft. La possibilità di inserire il proprio sfondo è attualmente disponibile solo negli Stati Uniti, ma a dire dello stesso staff di Google sarà introdotta anche nelle versioni internazionali del motore di ricerca. Gli utenti potranno scegliere di caricare una loro foto direttamente dal loro Pc, oppure scegliendo quanto già presente sui propri album di Picasa e di impostarla come immagine di sfondo dell'home Google: comparirà un link nella parte superiore della pagina, a sinistra.

L'approccio di Google alla propria home page è sempre stata minimalista: fin dalla sua nascita nel 1997, anno della registrazione del dominio, l'accesso al motore di ricerca è sempre stato caratterizzato dal bianco (secondo i grafici che hanno ideato la pagina, la mancanza di elementi al limite dello scarno si ispira direttamente alla filosofia "Zen"). Alla fine del 2009, sono stati persino rimossi tutti i link estranei a Google.com, basandosi sull'idea che prima di tutto l'utente ricerchi informazioni nel modo più rapido possibile e senza distrazioni di sorta. Per contro ha permesso agli utenti di creare pagine personalizzate in iGoogle, ma ha sempre sostenuto di voler lasciare bianca la sua home, modificando unicamente il logo in occasione di eventi eccezionali o promozioni quali l'uscita di Chrome o Nexus One.

Dalla società di Mountain View fanno sapere che la modifica visuale non comporterà alcuna variazione nella velocità delle ricerche, ma servirà a rendere più "accogliente" ai singoli, il motore di ricerca tutt'ora più utilizzato al mondo.