GUARDA LA FOTOGALLERY

di Federico Ercole

È una grande novità il Kinect di Microsoft, una sofisticata telecamera dotata di un sensore a raggi infrarossi in grado di identificare i movimenti e le dimensioni del corpo umano anche in profondità. Desta meraviglia vedere la propria mano muoversi dentro lo schermo ripetendo i nostri movimenti mentre fingiamo di accarezzare un animaletto o muovere le nostre membra in una danza sfrenata, osservandole mentre vengono riprodotte fedelmente in un videogioco.

Ma non è una rivoluzione che modificherà per sempre il nostro modo di giocare con le console, non temano gli appassionati di videogame “classici”, perché Kinect amplia, e in parte re-inventa, un genere video ludico già anticipato da Wii Nintendo e continuato da Eye Toy e Playstation Move di Sony: un modo di giocare pensato ad arte soprattutto per coinvolgere tutta la famiglia o gruppi di amici in attività ludiche divertenti, socializzanti e veloci.  È un nuovo inizio, questo sì, ma forse è più importante per la storia del Gioco che del Videogioco in sé, dove gli strumenti di controllo classici hanno ancora molto da dire e da dare.

Da oggi in tutti i negozi specializzati italiani (al prezzo di 150 euro circa, nella confezione è contenuto anche il gioco Adventures), Kinect esce già accompagnato da numerosi videogiochi. Alcuni sono molto riusciti e, nel loro genere, appassionanti: Kinect Sports, che oltre a diverse discipline sportive contiene uno spassoso ping pong; Dance Central, il gioco di danza “definitivo” che delizierà i fan di ballo e discoteca; Sonic Free Riders, videogioco quasi “classico” della Sega che rappresenta un’evoluzione di certi videogame da Sala Giochi dove si usano sci o snowboard di plastica per imitare i movimenti di uno sciatore, ma qui, ovviamente si usa solo il corpo e l'effetto realtà è assicurato.

Guarda il trailer di  Sonic Free Riders



Per i piccolissimi invece appare decisamente accattivante e tenero l'educativo Kinectimals, dove si simulano rapporti giocosi e di cura “responsabilizzante” con animaletti ben realizzati in scenari suggestivi. Altri giochi però, ad una prima prova, sembrano meno ben riusciti, come Fighters Uncaged, un videogame di combattimento a proposito del quale il prestigioso sito IGN ha scritto:”È il peggior gioco uscito per Kinect… stategli lontano… non vale proprio la pena…”. Anche Motion Sports di Ubisoft non ha raccolto commenti entusiastici e chi vuole divertirsi con dei minigiochi sportivi dovrebbe indirizzare la propria attenzione su Kinect Sports.

Tuttavia, va detto che il lancio di una nuova macchina non è quasi mai il momento migliore per comprenderne a fondo le reali potenzialità, quindi sarà saggio attendere qualche mese per vedere come gli sviluppatori utilizzeranno e varieranno le notevoli caratteristiche ludiche di Kinect.  Nel frattempo non riponete i controller tradizionali in un cassetto. Serviranno ancora per qualche tempo.