di Nicola Bruno

Se Hollywood ha i suoi Oscar e Broadway ha i suoi Tony, da 15 anni anche Internet ha i suoi Webby Awards, considerati da molti il più alto riconoscimento della rete.

Proprio ieri sono state annunciate le nomination 2011. A far la parte del leone sono stati il New York Times (ben 18 nomination, tra cui quella “best practice” l’equivalente del “miglior film” per gli Oscar) e il celebre sito di video comici e virali Funny or Die (10). A lasciare il segno nell’oceano di bit riversati ogni anno in rete sono state anche testate come The Guardian, BBC e CNN (tutte a 6 nomination), la radio pubblica statunitense NPR.org (5) e TED (5), la famosa conferenza dedicata ai temi dell’innovazione e del design.

Non solo giornalismo, comunque. I Webby Awards spaziano su oltre 70 categorie, dall’arte alla religione passando per tutte le stramberie che circolano online. E così, tra le cinquine selezionate dalla International Academy of Digital Arts and Sciences c’è anche molto intrattenimento e spettacolo, video amatoriali e web-serie che spopolano tra i nativi digitali.

Nella agguerritissima categoria dei migliori video virali, l’hanno spuntata: il fenomeno dell’autotuning dei Gregory Brothers, molto simili alla nostra Sora Cesira; la spettacolare Digital Story of Nativity; la parodia dell’inesistente film su Twitter che avrebbe dovuto seguire il successo di The Social Network.

Nella categoria più professionale delle “migliori performance individuali” si sono invece fatti notare l’attrice Isabella Rossellini (con la sua serie di video educational Green Porno), l’attore Jim Carrey con la sua “Presidential Reunion” e l’attrice di Friends Lisa Kudrow con la serie Web Therapy.

Nonostante i successi strabordanti dell’ultimo anno, farà discutere l’assenza di Lady Gaga (una vera e propria mattatrice dei social media). Ma i fan della musica pop si potranno rifare con Justin Bieber che si è conquistato una nomination nella categoria “Comedy” grazie ad un celebre video-parodia realizzato per l’1 Aprile.

Per restare in ambito musicale, abbastanza prevedibili le nomination degli OK GO, così come quello della sperimentazione interattiva degli Arcade Fire “The Wilderness Downtown”. Altrettanto scontata la candidatura di Angry Birds tra i migliori videogiochi dell’anno, insieme a FarmVille e Fruit Ninja.

Per quanto riguarda i servizi web più duri e puri, si segnalano Groupon (il sito di social shopping più famoso del momento), Moo.com per biglietti da visita super-cool, i geo-social network Foursquare e Gowalla, insieme a Dropbox (servizio di storage online) e TweetDeck (per gestire al meglio i propri account Twitter).

I vincitori di ciascuna cinquina saranno annunciati il prossimo 3 Maggio, mentre la cerimonia finale con la consegna delle statuette avrà luogo il 13 Giugno a New York: per l’occasione i trionfatori dovranno limitarsi a ringraziare amici e parenti con un discorso di sole cinque parole, meno di un tweet. Nel frattempo, però, gli utenti possono partecipare alla scelta. Basta andare sul sito speciale People’s Voice per far salire le quotazioni dell’artista o prodotto che si considera degno di un Webby.


SELEZIONE CINQUINE

Best Viral Video
Rated Awesome – The Twitter Movie Trailer
Bed Intruder Song (Auto-tune the News Remix)
The Sandpit
The Digital Story of the Nativity
Aides Graffiti

Best Individual Performance
Jim Carrey for Funny Or Die’s Presidential Reunion
Isabella Rossellini for Green Porno
Lisa Kudrow for Web Therapy
Cheri Oteri for Liza Life Coach
Ralph Macchio for Wax on F*ck Off

Best Viral Marketing
OK Go “This Too Shall Pass”
Old Spice Response Campaign
Mad Men Yourself
True Blood Live Feed
Google Translate for Animals

Best Music
Arcade Fire - The Wilderness Downtown
The Johnny Cash Project
Thomas Dolby – ‘The Toadlickers’
SOUR ‘Mirror’
The Sandpit

Best Celebrity/Fan
U2 Official Website
WonderWall
Jay-Z Hits Collection Vol. 1
Team Coco
Tom Petty & The Heartbreakers Official Website