Il 26 agosto uscirà per PC, Playstation 3 e Xbox360 Deus Ex: Human Revolution, terzo capitolo della serie Deus Ex nata nel 2000. Il gioco sviluppato da Eidos e pubblicato da Square Enix rappresenterà un prequel dei due precedenti episodi: ambientato nel 2027, venticinque anni prima delle vicende raccontate in Deus Ex, Human Revolution vedrà le caratteristiche augmentation (le migliorie al corpo umano che ricoprono un ruolo di rilievo nell’intera saga) ottenute grazie alla nanotecnologia, sostituite da “antiquate” implementazioni biomeccaniche.

Una delle caratteristiche rilevanti di Human Revolution sarà la possibilità di determinare, attraverso le proprie scelte, l’intero corso del gioco, che si presenta estremamente aperto. Una stessa situazione, quindi, potrà essere risolta in maniera violenta o tramite la negoziazione, e gli eventi scatenati dalle azioni del giocatore avranno ripercussioni sugli sviluppi successivi della trama.

Questa apertura nella storia si riflette sul gameplay, che prevede differenti approcci di gioco: Combat (azione violenta), Stealth (infiltrarsi senza farsi notare dai nemici), Hacking (manomettere risorse informatiche e non a proprio vantaggio), Exploration (cercare vie alternative ai propri obiettivi) e Social (conversare con le persone e cercare di influenzarne il comportamento). Questi stili possono essere mescolati tra loro e affinati tramite migliorie al proprio personaggio.

Protagonista della vicenda narrata in Deus Ex: Human Revolution è Adam Jensen, addetto alla security di una società specializzata in augmentation, che rimane in fin di vita in seguito a un attacco alla sua azienda: l’uomo scampa alla morte proprio grazie a un massiccio intervento di modifica del suo corpo, e da qui ha inizio l’intera avventura. Il modo migliore per introdurre il gioco è però il dettagliato trailer intitolato Classified Information, che ne spiega i meccanismi e ne introduce le atmosfere. Buona visione!