La data è quella del prossimo 5 novembre; l'obiettivo è quello di attaccare e distruggere Facebook. Sono queste le intenzioni, neanche troppo celate, del gruppo Anonymous che al grido di "partecipa alla causa ed uccidi Facebook per il tuo bene e la tua privacy" hanno dichiarato guerra al social network di Zuckerberg.

Secondo il gruppo hacker, Facebook non solo venderebbe sottobanco alle aziende le informazioni private dei suoi utenti, ma fra i suoi acquirenti ci sarebbero anche i governi, compresi quelli più autoritari e colpevoli di sanguinose repressioni. La data dell'attacco hacker, poi, non è casuale: nel 1605 l'attivista inglese Guy Fawkes, il cui volto è diventato la maschera del protagonista di V for Vendetta, simbolo dell'iconografia hacker, tentò di far saltare il Parlamento di Londra.

Dalle varie notizie che circolano sulla rete, (qui il tweet direttamente dal loro account), pare che non tutti gli attivisti del gruppo siano d'accordo sull'attacco, ma oramai l'azione sembra sia stata decisa e non è necessaria l'unanimità per sferrare l'attacco. #OpFacebook (questo l'hashtag dell'operazione che già spopola su twitter) sembra quindi il proclama degli Anonymous nei confronti di Facebook.

In realtà l'azione degli hacker parte da un video caricato su YouTube lo scorso 16 luglio, ma divenuto virale soltanto nelle ultime ore. Particolarità che ha fatto nascere dei dubbi sull'azione in quanto pubblicare un video annuncio con così largo anticipo permette all'azienda sotto attacco di rafforzare le misure di sicurezza. Questa particolarità ha fatto parlare di una vera e propria "bufala". Tesi sostenuta per esempio da Eugene Kaspersky, il creatore del popolare antivirus: "E' molto probabilmente che sia un falso. I nomi che usano sono strani, e nei loro messaggi ci sono link a siti che ospitano delle pubblicità".

Il gruppo Anonymous annuncia la distruzione di Facebook per il 5 novembre. Guarda il video