di Camilla Sernagiotto

Per tutti quelli che prima di prendere l’autostrada abbandonano il cellulare nel cruscotto temendo la salsedine, per chi chiude in cassaforte il proprio portatile immaginando che un granello di sabbia lo possa mandare in tilt e per chiunque crede che la tecnologia d’estate vada in vacanza, è giunta l’ora di attaccare le superstizioni al chiodo.

L’Hi-Tech non va in vacanza per conto suo, piuttosto segue i propri fan dovunque: mare, montagna, lago, città… qualsiasi sia la meta delle ferie, la tecnologia ha già il biglietto prenotato.

Dalle cuffie subacquee, per non separarsi dalle sette note nemmeno a settemila leghe sotto i mari, al mini-pannello solare da spiaggia che ricarica iPhone, iPod e con loro anche il proprio io, non c’è sabbia, acqua o pioggia che possa far temere i vostri beniamini tecnologici.

Ci sono le custodie waterproof per Mp3, le casse per iPod per improvvisare beach party da urlo (facendo attenzione che le grida non siano quelle dei vicini di ombrellone), orologi subacquei e addirittura una borsa da spiaggia ad energia solare che ricarica qualsiasi apparecchio tecnologico.

Ma anche l’iPhone stesso si è mobilitato per diventare un perfetto compagno di vacanza.
Come? A suon di applicazioni per gli addicted to beach!

Da Uv Safe Timer, per prendere il sole sotto controllo, alle innumerevoli App con cui fare Yoga in riva al mare, anche d’estate il proverbio vale: “un melafonino al giorno toglie il medico di torno”!