Lady Gaga diventa una Simpson

di Eleonora Brianzoli

“Mille scimmie che battono a caso su una tastiera possono riscrivere la Divina Commedia, se gli si lascia abbastanza tempo”. La tecnologia consente finalmente di mettere alla prova il luogo comune. A tentare l’impresa è stato Il programmatore statunitense Jesse Anderson.  In inglese, però, i primati riscrivono i versi di William Shakespeare, non quelli di Dante.

Sul suo blog, Anderson dice che l’idea gli è venuta grazie ad uno dei più famosi episodi dei Simpson, in cui il signor Burns mostra ad Homer le sue mille scimmie incatenate ad altrettante tastiere finché non riusciranno a riprodurre l’opera del Bardo.



Per tentare l’esperimento Anderson ha utilizzato l’applicazione Hadoop, messa a disposizione dal sito Amazon. Ha creato un programma che simulasse un milione di scimmie che, digitando a caso, riproducessero stringhe di 9 caratteri. Ogni volta che il risultato coincide con un verso di Shakespeare, il programma memorizza la sequenza di caratteri ed evidenzia le parti di testo ancora da completare.

Il progetto è partito il 21 agosto.  Dopo un solo mese le “scimmie” hanno tentato 5 trilioni di combinazioni di nove caratteri (l’alfabeto inglese ne contiene circa 5,5 trilioni) e Anderson ha potuto gridare “Eureka!”. Il programma ha riprodotto il sonetto “A lover’s complaint” di William Shakespeare, con una precisione del 99,99%.