GUARDA LA FOTOGALLERY

di Floriana Ferrando


Evidentemente non è bastato sbarcare in Antartide e all’interno dei più antichi siti archeologici, ora Google Street View va alla scoperta degli interni degli edifici. Niente paura, non ci si ritroverà con una telecamera della Big G che gira per casa (almeno per ora), più semplicemente Google punta a dare una visione a 360 gradi di negozi, ristoranti, hotel, palestre ed edifici pubblici.

IDEA ARTISTICA
- Google Business Street View, progetto ancora sperimentale partito negli Stati Uniti e non ancora disponibile in Italia, è un’estensione del servizio di mappatura online del colosso del web che consente di entrare dentro i negozi visualizzati sulle mappe digitali. Dunque non ci si limiterà più a passeggiare per le strade più famose del mondo senza muoversi dalla poltrona dell’ufficio, ora si potrà addirittura entrare negli edifici, sbirciare fra gli scaffali di un negozio di abbigliamento, ammirare le chitarre esposte da qualche rivenditore di strumenti musicale, o gustare (con gli occhi, s’intende) le prelibatezze cucinate in quel ristorante. L’idea è stata ispirata dal grande successo registrato da Google Art Project: "Sulla base di Google Art Project che ha portato Google all’interno di 17 celebri musei, questo nuovo progetto è un'altra implementazione creativa di Street View per aiutare le aziende a costruire la propria presenza online", ha detto un portavoce della società.

SPERIMENTAZIONE - Per il momento la scelta degli store visitabili è limitata a poche migliaia (sono esclusi ospedali, studi legali e grandi catene di distribuzione), Google infatti sta immortalando i soli negozi che ne fanno richiesta compilando un apposito modulo online.
Una volta inoltrata la richiesta, il commerciante sarà contattato per stabilire con i fotografi di Google il giorno dell’incontro che dovrà (sempre secondo le regole stabilite dagli del motore di ricerca) essere resa nota ai clienti così se non vorranno essere fotografati saranno liberi di disertare lo store in quegli orari. Tuttavia per mettersi del tutto ai ripari Google come di consueto sfocherà i volti dell’eventuale clientela presente. In questo modo il colosso del web cerca di tutelarsi dalle accuse di violazione della privacy che giungono ormai puntuali ad ogni nuova trovata del servizio.

NUOVE FRONTIERE - Siamo davanti all’ultima frontiera della pubblicità 2.0? Forse. “Il commercio al dettaglio è sempre stato un settore competitivo, ancora di più in un periodo di crisi come questo – spiega Sarah Cordey, portavoce del British Retail Consortium – Molti rivenditori stanno aumentando la loro presenza online e l'uso di innovazioni tecnologiche, quindi questa è una possibilità che alcune aziende considereranno con interesse". In effetti per i negozianti che acquistano così visibilità maggiore sul web è sicuramente un’ottima trovata. Anche se, come fanno notare alcuni, Google Business Street View rischia di rivelarsi un’arma a doppio taglio fornendo a ladri e sbandati una mappa dettagliata del negozio, così progettare una rapina rischia di diventare un gioco da ragazzi. Tanto poi ci pensa lo stesso Steet View ad acciuffare i malintenzionati.