di Federico Ercole

La cittadina nevosa sulle Montagne Rocciose chiamata South Park con i suoi buffi e indimenticabili personaggi è divenuta uno dei luoghi di fantasia più interessanti, crudeli e comici da frequentare con l’immaginazione guardando la tv. Dopo sedici stagioni la serie di cartoni animati creata da Matt Stone e Trey Parker nel 1997 non ha mai perso lo spirito dissacrante e trasgressivo delle origini e si è addirittura espansa, arricchendo il suo universo di personaggi, situazioni e storie sempre più surreali, restando tuttavia uno spietato strumento di critica del mondo contemporaneo. Questo bagaglio di successo sarà presto trasportato in un nuovo videogioco: South Park The Stick of Truth. Annunciato nel dicembre scorso e scritto dagli stessi inventori della serie, il videogame che ci farà immergere nella “ridente” cittadina del Colorado arriverà a marzo 2013 per PS3, XBox 360 e PC.

Guarda il trailer



“Un impresa epica per diventare un... Figo”, si trova scritto sul sito ufficiale, davvero spassoso da navigare. In questo videogame, sviluppato dagli esperti di giochi di ruolo d’azione di Obsidian e prodotto da THQ, interpreteremo un nuovo arrivato a South Park, quindi, ovviamente, una nullità. Starà a noi dimostrare che non lo siamo, imbarcandoci in un’avventura che coinvolgerà personaggi come Cartman, l’eterno moribondo Kenny, Stan e tutta la popolazione grande, piccola e soprannaturale di questo paese.

Bene contro male.
Come in un gioco di ruolo classico quella che all’inizio sembra solo una piccola, comica avventura diventerà un’universale sfida tra il bene e il male che coinvolgerà tutto il mondo. Così mentre faticheremo per fare amicizia, combatteremo con armi che variano da mazze da golf a spade di legno, da archi improvvisati a diversi tipi di magia, andremo alla ricerca della leggendaria Bacchetta della Verità, oggetto dai poteri devastanti il cui possesso dimostrerà a tutti che non siamo dei falliti perché salveremo South Park dalla distruzione. I nemici che affronteremo sembrano al tempo stesso spassosi e inquietanti così come i luoghi che visiteremo, tra “realtà” e fantasia. Prenderemo a bastonate hippies e streghe dai capelli rossi, gnomi, samurai, cavalieri mongoli e uomini-granchio mentre visiteremo le strade della città, manieri stregati, foreste oscure, e altri posti terrificanti.

Precedenti. Non è la prima volta, dopo tutto, che la serie approda alla console, anzi i tentativi di trasposizione, più o meno fortunati, sono già parecchi. Nel 1998 venne realizzato da Acclaim South Park, uno sparatutto. L'anno successivo, sempre dalla stessa casa, fu la volta di South Park: Chef Luv Shack, multiplayer basato su quiz e minigame, mentre nel 2000 (ancora Acclaim) arrivò un racing game, intitolato SouthPark Rally, in cui si poteva sfrecciare sulle strade del Midwest insieme a Cartman e soci. Stone e Parker però hanno da subito preso le distanze da questi primi tentativi, criticando la scarsa qualità dei gioghi. Quindi seguì una lunga pausa, fino al 2009, quando Doublesix e la Xbox Live Productions misero mano a South Park Let's Go Tower Defense Play, prodotto dalla Microsoft Studios, in cui l'obiettivo era respingere gli attacchi diretti a una torre.