di Camilla Sernagiotto

Tutti quanti sappiamo bene che sopra la panca la capra campa e sotto la panca la capra crepa, ma qualcuno si è mai chiesto cosa succede se al posto della panca ci mettiamo un’altra capra?

A farsi questa domanda (e a darsi un’esaustiva risposta) ci ha pensato il designer a tutto tondo Alessio Blanco, che si è inventato il cosiddetto Kapra Sutra.
Non un semplice kamasutra caprino, ma un vero e proprio progetto a 360° che va dal quadro alla T-shirt, dal libro al biscotto.

Si tratta infatti di un’opera in fieri che sperimenta nuove tecniche, mescolando i linguaggi tradizionali con quelli più innovativi: dalla pittura alla moda, dal food design alla videoarte, ogni branca artistica è stata chiamata all’appello per dar vita a questo poliedrico progetto.

Dalla sua nascita a oggi, Kapra Sutra ha riscosso un enorme consenso, collezionando apprezzamenti e adesioni alle iniziative più strampalate (che vanno dall’itinerario naturalistico nei boschi a tema “sesso caprino” al libro illustrato che spiega nel dettaglio le posizioni erotiche più in voga).

E il progetto non poteva che sfociare in un video accattivante e divertente in grado di attrarre gli internauti più incalliti: con giochi di parola e posizioni fantasiose come quella del Gambero Fiducioso o dei Deambulanti, il Kapra Sutra offre spunti interessanti per ampliare i propri orizzonti carnali.

Mentre l’erotismo firmato E. L. James che quest’estate ha fatto tanto parlare di sé presenta una cinquantina di sfumature sì, ma solo ed esclusivamente a uso eterosessuale, le caprette di Alessio Blanco sono molto più sexually correct, tenendo conto anche dei capretti che amano i capretti e delle caprette che preferiscono il gentil sesso…

Ecco come salvare capra e cavoli.