di Federico Ercole

Uno dei pregi del genere storico del picchiaduro è che non ha mai portato avanti alcuna discriminazione sessuale. Classici come Street Fighter, Tekken e Mortal Kombat ci hanno insegnato che nelle arene in cui svolgono i combattimenti le donne possono lottare contro gli uomini, e vincere. Al tempo stesso, nel picchiaduro c’è sempre stata una componente erotica, ravvisabile tanto negli uomini che nelle donne, spesso raffigurati con muscoli iperbolici o curve vertiginose, che si va ad affiancare alla violenza marziale e all’eleganza dei combattimenti.

In Girl Fight, che uscirà scaricabile sui market place di PS3 e XBox 360, la sessualità sarà spinta al massimo, sull’esempio di Dead or Alive, con la differenza, però, che qui le protagoniste saranno tutte donne. Un gioco per soli uomini? Forse, tuttavia  potrebbe essere interessante, per le giocatrici donne vivere un’esperienza ludica che esclude l’uomo e sentirsi, almeno virtualmente, un po’ come l’Hillary Swank di Million Dollar Baby - sebbene le due opere siano distanti mille miglia per contenuti artistici ed estetici.

Girl Fight, un titolo che ricorda il film del 2000 con Michelle Rodriguez, sarà distribuito da Majesco ed è sviluppato da Kung Fu Factory, la stessa software house che si sta occupando del videogame ispirato al serial Spartacus.

Lo scenario di Girl Fight è fantascientifico: le lottatrici sono state rapite da una misteriosa e malvagia corporazione conosciuta come ‘Fondazione’ e imprigionate in una realtà virtuale che si chiama ‘Mainframe’. Per fuggire da questo carcere fittizio, le affascinanti e letali guerriere dovranno lottare con ogni mezzo a loro disposizione.

Le immagini fatte circolare in anteprima possiedono una dimensione surreale: cimiteri di automobili dall’aura spettrale; tetti di grattacieli nella notte illuminata da una tetra luna; cattedrali in rovina e metallici inferni industriali. Le guerriere utilizzeranno diversi tipi di arti marziali: quelle viste fino ad ora possiedono un certo carisma.

Per capire se davvero Girl Fight è più originale dei tanti picchiaduro in circolazione, bisognerà prima giocarci. Per ora possiamo solo farci sedurre dalla sua intrigante ambiguità tra trash, erotismo e grazia.