di Federico Ercole

Non c’è mai pace per gli sventurati che hanno a che fare con gli zombi, come ci insegnano la serie di culto Walking Dead e le decine di videogiochi dedicati alle fameliche orde di morti viventi. Uno di questi è Dead Island del 2011 che, lanciato da un memorabile trailer diretto con grande perizia, dimostrò poi di essere un valido e originale videogame che mischiava elementi strategici da gioco di ruolo, azione in soggettiva e libertà di esplorazione in un suggestivo ambiente di paradisi tropicali invasi dall’orrore.

Chi pensava di essere sopravvissuto alla catastrofe nel finale del gioco distribuito da Deep Silver si sbagliava, perché è stato annunciato un sequel diretto che si svolge immediatamente dopo gli eventi del primo episodio. E per i superstiti, purtroppo, l’incubo non ha mai fine…
Anche in questo caso gli sviluppatori della Techland hanno prodotto e diretto un suggestivo micro-film che funge da trailer per il videogame. Sebbene non raggiunga i risultati del primo, è comunque intenso e spettacolare.

Il trailer



Dead Island Riptide uscirà il 26 aprile del 2013 per PS3, XBox 360 e PC. Il nuovo episodio vede gli eroi del prequel precipitare sull’isola di Palanai dopo che un monsone si abbatte sull’arcipelago di Banoi. Anche qui zombi di ogni tipologia sorgono nella giungla allagata, muovendosi tra paludi e acquitrini.

Considerato l’ambiente molto liquido, questa volta potremo usare delle barche per muoverci nelle zone allagate. Ma, a giudicare dalle prime immagini, neanche su queste saremo al sicuro perché gli zombi si muovono bene anche in acqua e qualcuno si è evoluto proprio per cibarsi meglio in questo ambiente. D’altronde anche George Romero, il padre degli zombi, si è divertito con morti viventi acquatici in Creepshow, film ad episodi da lui diretto e scritto da Stephen King.

I personaggi di Dead Island Riptide sono gli stessi del primo episodio: la longilinea Xian; l’impiegata bruna del Palm Resort Hotel; il rapper Sam B, dalla fama di musicista in bilico; l’ex-poliziotta Purna; il disilluso campione di football americano Logan. E’ stata poi annunciata la presenza di un nuovo personaggio chiamato John Morgan, esperto nella lotta corpo a corpo.

Il fatto che continuino a uscire film e giochi dedicati agli zombi dimostra quanto la gente li ami e non ne sia mai stufa. Malgrado la loro bruttezza e cieca brutalità hanno un posto speciale nel cuore del pubblico di tutto il mondo. L’importante è che continuino sempre a fare paura.
Altrimenti diventerebbero noiosi e per loro sarebbe la fine… anche se sono già morti.