di Federico Ercole

Essere un vampiro oggi non è facile. Almeno un vampiro tradizionale alla Dracula oppure in stile le Notti di Salem di Stephen King e Hanno Sete di Robert McCammon.
Negli ultimi anni i vampiri neo-romantici travestiti da adolescenti di Twilight hanno guadagnato il palcoscenico e, inoltre, il pubblico preferisce mostri come gli zombie ai più aristocratici principi della notte.
Ci sono giochi memorabili che hanno come protagonisti i vampiri, basti pensare al leggendario Legacy of Kain e alla serie Castlevania, dove il confine tra cattiveria e eroismo è spesso ambiguo.
Eppure è da molto tempo che un vampiro vero e proprio latita dal mondo dei videogiochi. A colmare questa lacuna, oltre al venturo e misterioso Castlevania Lords of Shadows 2, ci pensa Dark, il nuovo videogame prodotto dalla tedesca Kalypso Media, che ci porrà nel corpo di non-morto di un “Nosferatu” dei nostri tempi.

Il trailer



Dark uscirà per XBox 360 e PC durante i primi mesi del 2013 ed è sviluppato a Monaco di Baviera dai Realmforge Studios. Si tratta di un gioco di ruolo d’azione in cui restare nascosti e invisibili al nemico sarà determinante per il successo.
Controlleremo Eric Bane, un giovane uomo che si sveglia in una discoteca gestita da vampiri escopre di essere diventato una creatura della notte. Ma non ne conosce il motivo perché, come tanti personaggi dei videogiochi, ha perso la memoria. Con il suo nuovo corpo comincerà un viaggio in cerca di risposte, di sangue di cui nutrirsi e di vendetta.

Nel gioco, che si svolgerà sempre di notte, potremo utilizzare tutti i poteri dei vampiri, come la forza straordinaria e il dominio dell’oscurità. Sarà tuttavia fondamentale rifornirsi sempre di sangue e nascondersi ai raggi assassini del sole. Potremo fare salire di livello le abilità del protagonista e scegliere così un approccio al gioco più aggressivo o strategico.

Con il cappuccio calato sulla fronte a celargli parzialmente il viso Eric Bane ci ricorda gli assassini di Assassin’s Creed, soprattutto Desmond Miles, il loro erede genetico che si muove nei nostri tempi. Le ambientazioni del gioco sembrano un’interessante miscela tra gotico e futuro-presente in cui la luna rischiara gli spazi aperti, mentre i neon illumina gli interni.

Chissà se Dark riuscirà a riportare in auge la spietata e poco delicata voracità sanguigna dei vampiri. Dopo la lirica, sdolcinata, anche se non priva di un certo fascino, saga di Twilight, i veri signori della notte alla Bela Lugosi, Cristopher Lee e Klaus Kinski un po’ ci mancano. In ogni caso il Dracula 3D di Dario Argento è imminente.