di Federico Ercole

La serie di Castle Wolfenstein, inventata nel 1981 da Muse e giunta al suo apice nel 1992 con Wolfenstein 3D di ID Software, è una di quelle saghe che hanno cambiato la storia dei videogiochi, restando nel cuore degli appassionati, soprattutto degli amanti dello sparatutto avventuroso e dalle tinte cupe.
Uno dei motivi di successo di Wolfenstein 3D, oltre ai prodigi tecnici e al genio architettonico con cui sono progettati i suoi livelli, fu quello di avere fatto combattere i giocatori di tutto il mondo contro uno dei nemici peggiori mai creati: nazisti di ogni sorta, comprese armate di mutanti e non-morti con la svastica e persino un Hitler corazzato

Quello contro il Fuhrer rimane tuttora una delle battaglie di fine livello più gratificanti mai realizzate, sebbene il gioco sia stato considerato offensivo per la Germania e ritirato dal suo suolo. In una versione per Super Nintendo le svastiche e ogni riferimento ai nazisti sono state rimosse e Hitler è stato trasformato in un generico Staatmeister senza baffetti.  Dopo un brillante e fantascientifico episodio uscito nel 2009 adesso tocca a Bethesda rilanciare questa storica saga. La software house responsabile di The Elder Scrolls ha infatti annunciato Wolfenstein New Order, un videogame che intende essere rivoluzionario come lo fu Wolfenstein 3D negli anni ’90.

Guarda il trailer



Sviluppato da MachineGames, un team composto da molti autori responsabili del videogame The Darkness, Wolfenstein New Order uscirà per PS3, XBox 360 e PC, oltre che per le console di nuova generazione. Il protagonista del videogame sarà  William B. J. Blazcowitz, un soldato americano con origini polacche mai dimenticato dai fan fin dai tempi di Wolfenstein 3D. 

Wolfenstein 3D si svolge negli anni ’60 e ci racconta una triste storia alternativa: i nazisti hanno vinto la seconda guerra mondiale, come ne La Svastica sul Sole di Philip K. Dick, e dominano tutto il mondo con la loro super tecnologia.
Le armate dei nazisti, oltre che dalle SS che ricordano i cattivi di Killzone, sono supportate da droni e robot d’assalto dall’aspetto minaccioso di lupi meccanici dalle fauci come coltelli o ciclopi armati di mitra enormi.  Wolfenstein New Order non sarà solo uno sparatutto, ma un gioco d’avventura dove l’esplorazione sarà importante, così come la risoluzione di enigmi  e l’azione stealth.

Sebbene il multiplayer ormai sia una moda e una consuetudine, talvolta andando a penalizzare la campagna in single player, Wolfenstein New order sarà un videogame “vecchio stile”. Gli sviluppatori hanno infatti confermato che il videogame non conterrà nessuna modalità multiplayer, ma solo un’unica grande storia da vivere in solitaria.