di Federico Ercole

Se ormai non si contano più i giochi con i samurai, quelli che hanno come protagonisti i gladiatori dell'antica Roma sono davvero pochi. Chissà che il successo clamoroso di Spartacus, giunto alla terza stagione, non cambi lo scenario e in futuro non potremo vivere avventure più coinvolgenti sulla sabbia delle arene insanguinate.
Frattanto è imminente l'arrivo di Spartacus Legends, un gioco scaricabile sui market online di XBox 360 e Playstation 3, che però è ben lontano dalle dimensioni colossal che il tema richiederebbe. Per trovare due capolavori dedicati alle imprese dei gladiatori bisogna tornare alla cerchia stagione quando sono usciti Gladiator Sword of Vengeance e Shadow of Rome. Vediamoli più da vicino.

Spartacus Legends - Distribuito da Ubisoft su licenza di Starz e sviluppato da Kung Fu Factory, questo videogame scaricabile online sulle console di Sony e Microsoft arriverà il prossimo inverno. Ancora in via di lavorazione, come dimostrano le immagini un po’ grezze rilasciate fino ad ora, Spartacus Legends sarà free-to-play.
Ci farà vivere la carriera di un gladiatore dalle oscure e disperate origini fino al fulgore del trionfo. Potremo padroneggiare decine di armi e stili di combattimento diversi e smembrare i nostri nemici pezzo dopo pezzo. Potremo giocare anche da soli, ma la vera sfida sarà in rete, dove potremo affrontare i micidiali gladiatori allenati nelle palestre elettroniche di tutto il pianeta. Potrebbe essere una sorpresa.



Gladiator Sword of Vengeance - Videogioco uscito nel 2003 per Playstation 2, PC e Xbox il cui protagonista si chiama con il supereroico nome di Invictus Thrax. Dopo la morte del saggio Traiano il governo di Roma passa al folle console Arruntius, che trasforma le strade della capitale in un arena metropolitana in cui i gladiatori si massacrano tra i passanti. Solo Invictus si potrà ribellare alle empietà di Arruntius, in grado di sfruttare micidiali poteri soprannaturali. Invictus, ucciso da un intervento demoniaco, tornerà in vita grazie a Romolo e Remo come campione degli dei di Roma. E così giustizia sarà fatta. Un gioco che sconfina nel fantasy e nel mitologico, a tratti davvero superbo e visionario.



Shadow of Rome - Titolo giapponese di Capcom, prodotto da Yoshinori Ono, l’uomo che ha rilanciato la serie di picchiaduro di Street Fighter. Uscito nel 2005 per Playstation 2 è un gioco appassionante e dalla struttura originale: a battaglie sanguinarie nelle arene si alternano sezioni “stealth” in cui interpretiamo un giovane Augusto che indaga sull’omicidio di Giulio Cesare. Ma l’apice ludico di Shadow of Rome si raggiunge proprio nei lunghi, difficili e truculenti scontri tra i gladiatori, dove muoviamo Agrippa, un grande condottiero umiliato e offeso. Le atmosfere romane sono influenzate da una visione giapponese che ricorda gli eccessi di Ken il Guerriero, con nemici esagerati e iperboliche esplosioni di sangue. E’ un gioco di culto che, a modo suo, riesce a parlarci di storia.