di Federico Ercole

Siete stufi di massacrare orde di zombie? Sembra di no, considerando il successo sbalorditivo di queste creature putrescenti. Se avete già eliminato centomila morti viventi nel grottesco e affascinante Dead Rising 3, uscito al lancio di XBox One, e contate i giorni che vi separano dalla seconda parte della quarta stagione di The Walking Dead (scopri quando va in onda su Fox), a fine marzo uscirà il nuovo Plants vs Zombies, l’esilarante serie strategica di PopCap Games) che dal 2009 spopola tra i giocatori e che ha avuto il merito di aggiungere un po’ di umorismo al genere dedicato ai mostri non-morti lanciati da George Romero con La Notte dei Morti Viventi nel 1969 e diventati un tormentone del nuovo millennio.

Plants vs Zombies Garden Warfare, un titolo che è un chiaro e ironico omaggio a Call Of Duty Modern Warfare, uscirà a fine febbraio per XBox One, Xbox 360 e PC, prodotto e distribuito da Electronic Arts e ancora sviluppato dagli inventori di questa guerra tra regno vegetale e non-morto.

Il trailer




Con Plants vs Zombies Garden Warfare cambia il genere di appartenenza della serie. Si tratta infatti di uno sparatutto cooperativo in terza persona in cui dovremo decidere se essere piante o zombie e di conseguenza tentare di portare la specie avversaria all’estinzione.  Pensato soprattutto per essere goduto online con amici virtuali o reali questa nuova operetta buffa di PopCap verte quindi sull’azione frenetica che non esclude tuttavia un briciolo di strategia, l’elemento fondamentale degli altri videogame di questa curiosa saga. La sua natura demenziale e originale potrebbe quindi rinfrescare un genere, quello degli sparatutto, che durante la trascorsa generazione è stato fin troppo sfruttato, tanto da diventare sinonimo di monotonia e simbolo della decadenza del mondo dei videogiochi moderni nella palude della ripetizione e della scarsità di idee.

Il gameplay




Tantissime le specie di piante e le classi di zombie presenti nel gioco, alcune derivate dagli altri episodi e ormai celeberrime, altre nuove. Oltre ai girasoli, i funghi, le piante di peperoncino e l’altra ventina di piante giocabili, ognuna con abilità e caratteristiche differenti, ci saranno anche germogli d’aglio e cactus sputa fiamme tra le nuove entrate. Tra gli zombie torneranno, con gli altri, gli Zombie da discoteca e Zombie Yeti e arriveranno soldati, ingegneri, giocatori di football americano e scienziati.
Un’apocalittica quanto spiritosa guerra da giardino sta quindi per sconvolgere il mondo dell’immaginario virtuale, già invaso decine e decine di volte da zombie di ogni tipo. Forse saranno proprio le piante a fermare quest’instancabile e trionfante invasione.