di Federico Ercole

The Last of Us è uno dei videogame per cui la trascorsa generazione di console verrà ricordata. Per molti, tra critici e giocatori, l’opera di Naughty Dog in esclusiva su Playstation 3 è il gioco più grande dell’era PS3 e XBox 360. Il valore di The Last of Us, che ha vinto quasi tutti i premi possibili e più importanti del 2013, non è solo nel suo design che miscela ad arte l’immaginario post-apocalittico e la bellezza e crudeltà della natura, o nella sua giocabilità immediata, sofisticata e coinvolgente, ma nella sua storia raccontata attraverso un perizia narrativa unica e nei suoi personaggi dallo spessore letterario. 
Non si sa ancora se l’epopea di Joel e Ellie attraverso il relitto di un America devastata dalle spore infettive del fungo parassita Cordyceps avrà mai un seguito. Anche perché Naughty Dog che ora sta lavorando al nuovo Uncharted per Playstation 4 e non ha rivelato i suoi piani; ma per chi vuole tornare nel mondo magnifico e spaventoso di The Last of Us c’è una nuova e imperdibile occasione. E’ appena uscito Left Behind, una preziosa espansione acquistabile sul Playstation Network che ci offre ancora qualche ora di incanto e orrore.

Trailer



Left Behind, che sarà l’unica espansione di The Last of Us, ci racconta una storia che si svolge prima di quella del gioco principale e ha come protagonista Ellie, la ragazza che abbiamo imparato a conoscere così bene durante la lunga avventura di Naughty Dog. Sebbene non sia fondamentale avere portato a termine The Last of Us è consigliabile farlo prima di iniziare Left Behind. Viaggeremo attraverso un grande centro commerciale con Ellie, che all’epoca ha solo quattordici anni, e con la sua amica sedicenne Riley. Ci sono anche dei segmenti che si svolgono durante il gioco originale, ma è meglio tacere del loro contesto per lasciare intatta la sorpresa. Siate comunque certi che sarà tutto nuovo.

Trailer 2



Left Behind è un’espansione degna del capolavoro di cui fa parte e aggiunge alcuni elementi inediti sia dal punto di vista narrativo che per quanto riguarda la giocabilità. Il fatto che muoviamo due giovani ragazze veste la trama di un’atmosfera tenera e adolescenziale velata da una grande tristezza e da un presagio di tragedia. C’è molta dolcezza e ironia, insieme all’inevitabile senso di terrore e disperazione. L’esplorazione è fondamentale e almeno inizialmente i nemici saranno davvero pochi e ancora più terrorizzanti. Ellie non è una combattente letale e violenta come Joel e dovremo usare spesso l’astuzia per superare i momenti più difficili. Divertente e utile la possibilità di coinvolgere gli infetti e i tanti esseri umani malvagi in una lotta che coinvolge entrambe le categorie di nemici.
Se si va di fretta ci vogliono due o tre ore per completare Left Behind, ma vi consigliamo di giocare lentamente, per godere di tutte le meraviglie offerte da questa piccola e grande opera d’arte sulla giovinezza femminile  e l’inevitabilità dell’orrore.