Prendete i più appassionanti first-person shooter di sempre e trascinateli a forza fuori dalle loro ambientazioni limitate, per scaraventarli in un intero sistema solare. È quel che succede con Destiny, il videogame più atteso degli ultimi anni, che mette a disposizione dei giocatori non un sistema solare qualsiasi, bensì il nostro.

Destiny, sviluppato da Bungie e distribuito da Activision, si svolge infatti nel nostro sistema solare nell'anno 2714. Terminata l'Età dell'Oro dell'umanità, questa si trova in pericolo di vita, assediata da più parti da micidiali nemici. Nell'unica città sulla Terra, all'interno della Torre, si trovano i guardiani impegnati a evitare l'estinzione della razza umana. I giocatori impersoneranno proprio questi guardiani, suddivisi in tre classi (Cacciatori, Titani e Stregoni).

La complessità della trama e la grandiosità dell'ambientazione rimandano ai grandi classici della fantascienza, facendo di Destiny una sorta di Star Wars dei videogiochi. I giocatori potranno infatti affrontare una serie di avventure che vanno a formare un arco narrativo più ampio e avranno la possibilità di scorrazzare a proprio piacimento per gli sconfinati territori del sistema solare, interagendo con gli altri appassionati del gioco.

Proprio quest'ultima caratteristica ha portato a definire Destiny uno shared world shooter, ovvero uno sparatutto a mondo condiviso. Oltre che uno dei più ambiziosi esperimenti videoludici di sempre.

Dove porterà questo esperimento, lo scopriremo proprio in questi giorni. Probabilmente molto lontano. Nel frattempo, per cominciare a immergerci nelle atmosfere del gioco, ecco uno spettacolare trailer live-action realizzato da Joseph Kosinski, regista hollywoodiano specializzato in sci-fi che ha già diretto Tom Cruise in Oblivion e Jeff Bridges in Tron: Legacy.