Michael, Trevor e Franklin, che trio grandiosamente miserabile! Sono personaggi meschini, violenti e irrimediabilmente criminali, tuttavia perfetti per muoversi nel mondo di Grand Theft Auto come vettori di una spietata e ironica critica sociale. Sono caratteri  paragonabili solo a certe invenzioni di Quentin Tarantino in un videogioco che, invece, ha la luce e il colore dei film di Michael Mann per i panorami metropolitani e di Michael Cimino quando indugia nelle zone selvagge attorno alla fittizia città di Los Santos, una sorta di Los Angeles travestita.
Il gioco di Rockstar Games ha concluso l’anno scorso l’era di Playstation 3 e XBox 360 in maniera magistrale, spremendo tutto quello che era possibile dagli hardware sul viale del tramonto. Ma ecco che un anno dopo il suo lancio Grand Theft Auto V torna a risplendere in una nuova versione ridisegnata per Playstation 4, per XBox One e PC. Arriverà nei negozi il 18 novembre. Una versione imperdibile per chi non l’ha ancora giocato ma, considerata la natura “open world” del videogame, anche riviverlo in questa nuova, splendente veste potrebbe essere una grande esperienza.

Trailer di lancio



Grand Theft Auto V è fondamentalmente lo stesso gioco di prima, ma ci sono gustose novità: prima fra tutte la possibilità di giocarlo in prima persona, con una visuale in soggettiva, invece che solo in terza. Le texture sono state completamente ridisegnate e il lavoro eccellente che è stato fatto da Rockstar è già evidente dalle immagini e dai trailer.  Ci sono nuovi effetti per le esplosioni e per i fenomeni atmosferici, nuovi veicoli e nuovi animali. Chi ha giocato alla spassosa modalità online sulla vecchia generazione di console potrà trasferire il proprio personaggio nella nuova versione.

Trailer comparativo



Chi si aspettava contenuti aggiuntivi come nuovi luoghi o missioni è rimasto deluso. Tuttavia è confermato che Rockstar sta lavorando a corpose espansioni in grado di aggiungere decine di ore di gioco alla storia principale. Rockstar è celebre per il valore dei propri contenuti aggiuntivi, basta pensare alla qualità delle espansioni di Red Dead Redemption e Grand Theft Auto IV.
Così come è successo per The Last of Us, uscito dopo solo un anno per Playstation 4, sarà facile innamorarsi di nuovo della smisurata epica noir di Rockstar provandolo solo per pochi minuti, immediatamente ricatturati dalle sua profondità in cui perdersi per ore.