Faccine sorridenti, pollici all’insù, coppiette che si baciano. Scambiarsi messaggi di testo via smartphone e in chat è ormai tutto un susseguirsi di emoji per esprimere meglio ciò che le parole non bastano a spiegare. Eppure manca qualcosa. Almeno a detta della graphic designer Kimberly Linn, che ha notato che non esistono disegni pensati per le ragazze che amano altre ragazze. Così arrivano le Lesbian Emojis, una selezione di oltre cinquanta emoticon disegnate ad hoc per il mondo lesbo.



Da Instagram a iTunes – Fino ad un paio di settimane fa solo gli utenti di Instagram conoscevano le Lesbian Emojis. Il progetto è infatti nato come un passatempo, più che come un vero business. Kimberly Linn insieme alla collega Katie Streeter ha iniziato l'estate scorsa a postare sul social network per immagini le sue creazioni, poi il consenso della rete è lievitato (la pagina dedicata conta oltre 10 mila followers) e la trovata ha preso un’altra dimensione: l’agenzia pubblicitaria dove lavorano Linn e Streeter ha deciso di finanziare il progetto per farlo diventare qualcosa di più di “alcune icone divertenti per divertire noi e una dozzina di nostri amici”, come le ha liquidate Linn. Così la serie Lesbian Emojis è diventata un’app per iPhone, disponibile gratuitamente a questo indirizzo. "Da un lato - ha spiegato Linn - si pensa che non ci fosse bisogno di qualcosa di simile, tutto sommato sono solamente degli emoji. Ma allo stesso tempo, gli emoji sono diventati una vera e propria lingua. E io e le mie amiche non ne hanno mai avuto uno che ci rappresentasse”.



Stereotipi lesbo per immagini – A dar vita ad ogni emoji della serie Linn e Streeter impiegano dai 20 minuti alle quattro ore, spaziando da quelli che prendono spunto dai più comuni stereotipi sul mondo lesbo a quelli che mostrano la quotidianità delle coppie tutte al femminile. C'è quello pensato per chi intende fare coming out e anche quello che rappresenta una città color arcobaleno, come nella migliore tradizione omosessuale. E se comunemente si scherza sul fatto che le lesbiche sono solite bruciare le tappe, passando dal primo appuntamento alla convivenza nel giro di una conversazione in chat, l'emoji è servito.

Soon #lesbianemojis #lesbian #emojis #gay #lgbt #equality

So soon #lesbianemojis #lesbian #emojis #gay #lgbt #equality #instagay

Non mancano, poi, le citazioni tratte dal piccolo e grande schermo, come quell’emoji che ritrae Alex e Piper, la coppia lesbo protagonista delle serie tv "Orange is The New Black". O quello dove Denise Richards e Neve Campbell si scambiano effusioni in una scena della pellicola del 1998 "Sex Crimes - Giochi pericolosi". E c'è pure quello che identifica una delle passioni più profonde delle ragazze lesbiche, la serie tv "L World".





L'applicazione, lanciata un paio di settimane fa, anticipa i progetti della stessa Apple che ha in programma di ampliare la propria gamma di emoji quest'anno. E poco importa se le Lesbian Emojis non sono sulla tastiera iMessage, l'applicazione consente agli utenti di copiare e incollare il disegno scelto in iMessage o aprire un nuovo iMessage direttamente dall'app.
Ma non è finita qui: il mondo lesbo non è l’unico universo che si ritrova tagliato fuori dagli emoji di Apple (e non è certo una scelta omofoba, come dimostra il recente coming out del CEO Tim Cook), così perché non espandere il progetto? "Voglio realizzare una serie di emojis per gli uomini gay - fantastica Linn - E mi piacerebbe trasformare le Lesbian Emojis in emoji per l'intero universo LGBT".