Si prospetta immenso il nuovo videogioco della serie di Arkham,  sviluppato da Rocksteady e in via di ultimazione per PC, Playstation 4 e XBox One. E’ sufficiente pensare che la mappa di gioco, l’intera città di Gotham, sarà grande più di cinque volte quella esplorata nel secondo episodio, Arkham City.
Come annunciato durante la presentazione di questo quarto episodio, potremo viaggiare per tanta vastità metropolitana guidando la fenomenale Batmobile. Ma questa non è che una delle tante sorprese e novità di Batman Arkham Knight, a partire dal titolo. Infatti il “cavaliere di Arkham” non è Batman, come si potrebbe pensare, ma si tratta di un nuovo, micidiale nemico. Un uomo misterioso che veste una corazza e una maschera le cui fattezze ricordano proprio quelle dell’Uomo Pipistrello, una vera nemesi dell’eroe che al contrario di Bruce Wayne combatte usando ogni tipo di arma da fuoco e non solo. Chi si celerà dentro la corazza? Prepariamoci a formidabili colpi di scena.



In questo nuovo episodio, che si svolge dopo il secondo, il maestro dell’allucinazione conosciuto come lo Spaventapasseri torna a Gotham per liberarsi definitivamente del suo acerrimo nemico. Decide così di riunire sotto una sola bandiera del male tutti i peggiori criminali della città più tetra, oscura e piovosa che sia mai stata inventata. Batman dovrà quindi affrontare nemici storici come lo psicotico Due Facce, l’algido Pinguino, il contorto Enigmista e la follemente sensuale Harley Quinn. Ci saranno altri avversari che verranno annunciati in futuro o che il giocatore scoprirà, sorprendendosi, quando infine il videogame uscirà a metà circa di quest’anno.

Osservando i trailer e guardando le immagini è subito evidente la cura e la passione con cui Batman Arkham Knight è stato disegnato. Gotham, nella sua enormità notturna, sembra una città vera e deprimente come non mai e gli sgherri degli arci-nemici sono realizzati con un’abbondanza di dettagli che li rende più plausibili e meno anonimi. Come sempre, e ancora di più grazie a un motore grafico più potente, sono davvero spettacolari le animazioni dei combattimenti corpo a corpo in cui il Cavaliere Oscuro eccelle.

Finora nessun videogioco dedicato ai supereroi è riuscito a immergere il giocatore in maniera così naturale dentro un personaggio dei fumetti come la trilogia videoludica di Arkham. E questo quarto episodio potrebbe essere quello definitivo, la massima esperienza virtuale “superomistica” mai realizzata per farci diventare Batman.