La monogamia non è morta, ma certo non si sente tanto bene. Dopo tutto, come raccontano gli antropologi, è un'invenzione nata con le prime società agricole quando gli esseri umani avevano stili di vita e di comportamento un po' diversi da oggi. Per esempio Internet, con le infinite possibilità di scelta e le innumerevoli tentazioni a cui sottopone gli individui, non era ancora stata inventata. Proprio dalla Rete però arriva ora OpenMinded, un sito che si propone di aiutare la fedeltà coniugale ad adattarsi ai tempi offrendo una casa per tutti coloro che vogliono sperimentare forme di relazione diverse senza necessariamente abbandonare l'idea dell'anima gemella. OpenMinded, questo il nome del sito, si rivolge principalmente a uomini e donne per cui il tradimento è un'opzione sgradevole. Individui che preferiscono invece essere aperti e franchi con il proprio partner e costruire insieme a lui o lei un rapporto originale. Che prevede, appunto, la possibilità di frequentare altre persone. L'obiettivo della piattaforma insomma è raccogliere una community di persone di “mentalità aperta” che condividono questo stato d'animo. E che abbiano voglia di incontrarsi.

Una scelta etica - Secondo quanto afferma il sito, sono già 70 mila coloro che hanno deciso di sperimentare l'opzione “open” e di essere, per dirla con un aggettivo inglese, “monogamish”, ovvero monogami ma solo fino a un certo punto. Se Tinder è il punto di riferimento per chi cerca l'incontro fugace e occasionale, se i siti di scambisti sono terreno di caccia per i trasgressivi seriali, OpenMinded punta ad una nicchia diversa. “Le facce nuove delle 'relazioni aperte' – spiega Brandon Wade, il creatore del sito – non sono fanatici del porno o hippy dai capelli lunghi, piuttosto giovani professionisti, sofisticati e di successo che non considerano la monogamia un ideale. Riconoscono apertamente che  la loro relazione di lunga durata potrebbe non sempre soddisfare i bisogni emotivi e sessuali dei partner, e pensano che c'è bisogno di un'alternativa migliore”. Gente come quella coppia che ha raccontato al Washington Post di avere scelto la strada della “non-monogamia etica”. Che è come dire che marito e moglie continuano a comportarsi come una coppia e a scegliersi come compagni di vita ma accettano che l'altro si conceda, diciamo così, delle distrazioni.

Bando al tradimento - Insomma, la parola “tradimento” viene messa al bando e sostituita da concetti come “onestà” e “accettazione”. Wade non è nuovo a trovate che possono apparire provocatorie (e un po' lo sono di sicuro). Tra le sue creature c'è anche WhatsYourPrice dove le donne belle si conquistano grazie al portafogli. Di sicuro la sua filosofia imprenditoriale prevede di estendere i limiti di quanto è socialmente accettato e consentito quando si tratta di amore e di sesso. Una dimostrazione la offre lo stesso modulo di iscrizione a OpenMinded dove le opzioni per la scelta del genere sono molteplici: “maschio”, “femmina”, “androgino”, “fluido”, “critico”, eccetera. Quanto agli orientamenti sentimentali si può optare, tra le altre, per l'etichetta “eteroromantico” o per quella “biromantico” o ancora “poliromantico” o “eteroflessibile”, sempre che uno non si senta “androsessuale”. Altrettanto vasta la gamma per il tipo di persona a cui si è interessati che spazia da “transmascolino” a “pangender”. Come dire, ecco un sito dal quale è difficile sentirsi tagliati fuori.