Il gioco sul gioco per eccellenza, almeno qui dalle nostre parti, ovvero il calcio. Non è una cosa facile realizzare un videogioco su un fenomeno così stratificato, complesso, dominato dal caso come dalle manovre economiche oltre che dalle prestazioni del singolo e della sua squadra. Tuttavia nel corso degli anni gli sviluppatori di videogame sono riusciti a consegnarci opere degne di nota e soprattutto ludicamente appassionanti perché convincenti, assolvendo al meglio il compito di un gioco elettronico: illudere e infine indurre a credere il proprio pubblico di andare oltre lo schermo della televisione e di vivere davvero gli eventi con cui sta interagendo. Se nel passato il dominio del calcio virtuale fu dei giapponesi di Konami con il leggendario Pro Evolution Soccer, negli ultimi anni il “pallone d’oro” della simulazione più riuscita è andato a Electronic Arts Sports, che è stata capace di intercettare il gusto mutante e le esigenze del grande pubblico concependo un videogioco spassoso e entusiasmante anche per chi magari non guarda le partite ne’ allo stadio ne’ alla tv o non ha mai tirato un calcio al pallone sebbene sia stato un campione di Pacman. Uscito a fine settembre per le console nuove e obsolete di Sony e di Microsoft, FIFA 2016 riesce ancora una volta nell’alchimia sportiva di trasformarci tutti in direttori d’orchestra di partite sorprendenti. Sia che giochiamo da soli, che in compagnia o online.

Trailer: il calcio al femminile



Gioco al femminile - E' questa la grande novità, al di la delle preziose licenze e dei calciatori e squadre mitiche che siamo abituati a vedere sfidarsi con consuetudine quasi mensile. Certo c’è anche Barcelona vs Tottenham con Messi e Harry “Hurricane” Cane ma questa volta ci sono stelle femminee di un mondo calcistico meno conosciuto, ma non per questo meno spettacolare, come Sidney Leroux e Alex Morgan. Sono disponibili dodici nazionali del calcio giocato dalle donne ed è una cosa entusiasmante, perché gli sviluppatori hanno sottolineato la diversità di quel football, sono riusciti a trasformarlo in un’esperienza inedita, più tattica e strategica nonché nuova e bella. Insomma anche quest’anno FIFA 2016 vince su PES, sebbene quest’ultimo sia un ottimo gioco che dimostra come la serie giapponese stia riguadagnando l’antica corona. Ma avere la possibilità di giocare secondo un canone calcistico tutto femminile è un’idea davvero notevole.