Il sesso guarda sempre più spesso indietro. Non nel senso del passato ma proprio del lato posteriore. Si tratti di curve, posizioni o scelte per il rapporto non c'è dubbio che una tendenza sia in atto: il lato B interessa sempre di più. A confermarlo arrivano, una volta di più, i dati di PornHub, uno dei siti hard più popolari al mondo, che ha di nuovo sguinzagliato la sua squadra di statistici alla ricerca di numeri interessanti sui consumi di contenuti sulla sua piattaforma. E i risultati non lasciano spazio a incertezze: siamo a pieno titolo nell'era del derrière. 

 

Maschi e grandicelli - Per certificarlo basta un'occhiata alle tendenze delle ricerche sul sito dal 2009 a oggi: la curiosità sul termine “anal” è salita del 78 % nel mondo e del 120 % negli Stati Uniti. Un balzo in avanti non da poco. In fondo, il successo di Kim Kardashian e delle sue forme generose, specialmente nel fondoschiena, costituivano già un'indicazione, ma i numeri di PornHub sono la prova definitiva di una passione crescente, quasi un'ossessione. Una fissazione che riguarda soprattutto il pubblico maschile e più maturo. Gli uomini, secondo le statistiche del sito, hanno una probabilità del 33 % maggiore di effettuare ricerche per video “anali” rispetto alle donne. E il segmento demografico 35-44 ha il 30 % di probabilità in più di cercare questo tipo di contenuti rispetto alle altre fasce di età. Insomma, più ci si avvicina alla maturità più cresce l'apprezzamento per il posteriore. I più giovani infatti (18-24) sembrano coltivare meno questa curiosità. 

 

Tutti insieme appassionatamente – Ma gli statistici di PornHub non si sono fermati qui. Sono anche andati a vedere quali sono i termini di ricerca che negli ultimi anni più spesso si sono accompagnati alla parola “anal”. E uno di quelli che è cresciuto di più è “teen” (+ 263 %) accompagnato da “lesbian” (+ 200 %). Al contrario, tra le parole la cui associazione con il lato b risulta in declino c'è “group”, gruppo. Vorrà dire qualcosa? In attesa di scoprirlo, si può notare che le statistiche di PornHub sembrano confermare una trend più generale. Alcuni studi scientifici e indagini da tempo segnalano che il “didietro” non è più un tabu. Secondo una ricerca del 2010, il numero di donne che dichiara di avere provato il sesso anale è in aumento: nel segmento 20-24 erano il 40 %. Anche gli uomini eterossessuali, per i quali è più difficile vincere quello che è considerato un tabù, rivelano una crescente curiosità per la propria sessualità posteriore. Le statistiche di PornHub, insomma, sono uno specchio perfetto di questi cambiamenti.