22 maggio 2017

Cannes 2017: il sexy total black di Pamela Anderson

print-icon
Cannes 2017: il sexy total black di Pamela Anderson

È una Pamela Anderson quasi irriconoscibile, quella che ha sfilato sul red carpet del Festival di Cannes 2017. L’occasione è stata la premiere di 120 Beats per Minute, film drammatico girato in Francia e diretto da Robin Campillo. Lungo abito con strascico e importanti gioielli, la Anderson è più sexy che mai.

Tra i look più belli di Cannes 2017, un posto d’onore spetta all’outfit sfoggiato da Pamela Anderson. Che, rispetto alla bomba sexy dei tempi di Baywatch, appare oggi più sofisticata. Il merito va, oltre che all’abito, alla sua forma ritrovata, col volto più magro messo in risalto da un beauty look naturale e da un hair-styling effetto wet.

Pamela Anderson sceglie Vivienne Westwood

A Cannes 2017, Pamela Anderson è arrivata in occasione della premiere di 120 Beats per Minute, l’ultima opera del regista marocchino Robert Campillo: ambientato nei primi anni Novanta, il film racconta la storia di un gruppo di attivisti sieropositivi. Per l’occasione, la Anderson – alla soglia dei cinquant’anni, che compirà l’1 luglio – ha scelto uno scenografico abito a firma Vivienne Westwood Couture. Le spalle voluminose, con rouches e scollo profondo, la silhouette che fascia i fianchi, il taglio a sirena: tutto ciò per cui la Westwood è divenuta celebre, in quest’abito c’è. E Pamela Anderson lo indossa alla perfezione, abbinandolo a maxi orecchini tempestati di diamanti, ai sottili bracciali in stile vintage e a un beauty look acqua e sapone. La pelle lasciata quasi al naturale, i begli occhi messi in risalto dal mascara e dall’ombretto bronzato, le labbra d’un rosso delicato. E poi i capelli, tirati indietro come fossero bagnati e poi lasciati lunghi. Il risultato? Un’eleganza inaspettata per un’attrice che, nell’immaginario comune, rimane la sensualissima e formosa bagnina dal costume rosso. Tuttavia, non sono mancate le critiche da parte dei fan, che le hanno imputato una magrezza eccessiva e un volto diverso, quasi come se i suoi lineamenti fossero stati ringiovaniti, modificati.

La Anderson dichiara: «Non ho mai voluto essere un’attrice»

Nonostante la lunga carriera, trascorsa sui set di serie tv e produzioni cinematografiche, sul palco del Global Gift Gala – andato in scena lo scorso martedì a Parigi, al Four Seans Hotel George V – Pamela Anderson (che ha ricevuto il Philantropist Award) ha dichiarato: «Non ho mai desiderato di essere un’attrice: è stato un colpo di fortuna!». È, questa, solo l’ultima dichiarazione destinata a far parlare di sé. Dal video hard con l’ex marito Tommy Lee agli amori tormentati, dalle sue forme sexy in Baywatch – che l’hanno consacrata un’icona degli anni Novanta e hanno fatto sognare intere generazioni di uomini – fino al presunto legame con Julian Assange, Pamela Anderson è da sempre molto chiacchierata. Come quando, qualche giorno fa, commentando l’arrivo sul grande schermo del film ispirato a Baywatch (in cui ha una piccola parte, insieme al suo ex collega David Hasselhoff), ha dichiarato: «So che ci saranno un bel po' di imprecazioni e parolacce, e un po' di nudità che non sarebbe stata permessa all'epoca in cui giravamo Baywatch». Sexy sì, “maleducata” no. 

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky