Caricamento in corso...
01 settembre 2008

Tre lingue per Coralie

print-icon
cor

Un intenso primo piano di Coralie Clément

Terzo album per la Clément. Canta in francese, inglese ed italiano e hanno partecipato a "Toystore" Chiara Mastroianni e Etienne Daho. La sua voce riporta a mostri sacri quali Jane Birkin e Francoise Hardy

Vicina alle grandi interpreti pop francesi anni Sessanta quali Jane Birkin e Françoise Hardy, Coralie Clément debutta nel 2002 con l’album Salle Des Pas Perdus creato in collaborazione con l’autore/compositore/performer, nonché fratello, Benjamin Biolay; nel 2005 segue il bellissimo Bye Bye Beauté. Oggi Coralie torna con Toystore, titolo pittoresco che riassume il concetto strumentale immaginato dal suo grande fratello protettivo Benjamin Biolay, suonare con strumenti giocattolo (ukulele, zufolo, maracas, baby Farfisa, violino…) al servizio del fragile timbro della sua voce limpida. Su questi intrecci musicali tessuti con gusto, fra soavi inflessioni e cascate vocali, Coralie Clément crea 12 meraviglie cantate in tre lingue (francese, inglese, italiano). Due ospiti prestigiosi l’accompagnano per due duetti memorabili, Chiara Mastroianni in “Sono Io” e Étienne Daho in “Je Ne Sens Plus Ton Amour”.

L'affascinante Coralie Clément sarà in concerto a Milano, alla Casa 139 di via Ripamonti, nell'ambito della manifestazione Live Across. Il concerto è organizzato da DNA. La stessa sera sul palco un altro talento femminile, Marie Modiano.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky