Caricamento in corso...
13 gennaio 2012

Lady Gaga e Justin Bieber al ralenti

print-icon
lad

Lady Gaga è una delle star vittime del tormentone virale del time-stretching - Kikapress

È il time-stretching l’ultimo tormentone virale su YouTube: basta un click per rallentare i successi dance di Lady Gaga fino ad 800 volte, ottenendo una traccia epica degna della band islandese Sigur Ros. E lo stesso vale per Justin Bieber e Beyoncé

di Floriana Ferrando

Prendi la scatenatissima e irriverente hit di BeyoncéSingle Ladies’, rallentala 800 volte e ottieni un rilassante ritornello musicale (o una terribile lagna, dipende dai punti di vista) che fa pensare più ad un coro di voci bianche che ad una bomba sexy tutta curve. Si chiama time-stretching ed impazza su YouTube: consiste nel rallentare la velocità di esecuzione di una canzone (senza infierire sull’intonazione) fino all’800 per cento ottenendone un clone al ralenti che con la versione originale sembra avere davvero poco a che fare.

VIP RALLENTATI
- Il tormentone è diventato virale in Rete già nel 2010 quando Nick Pittsinger, dj di professione, ha utilizzato un nuovo programma software chiamato PaulStretch per trasformare ‘Smile U’ di Justin Bieber in una irriconoscibile hit di oltre trenta minuti (la versione originale ne dura solo quattro). Un vero supplizio per chi del ragazzino dalla faccia d’angelo ne ha piene le orecchie. O magari, chissà, una maniera originale per rendere più appetibili i successi della pop star. Secondo alcuni, la versione rallentata ricorda tanto le atmosfere epiche della band islandese Sigur Ros.



Da allora sono diverse le canzone di ieri e di oggi diventate protagoniste del nuovo meme virale, dove l’unica condizione è che la scelta cada su un ritmo vivace: “Ci vuole un brano ad alto contenuto di energia che con questo sistema sarà trasformato in una melodia serena e tranquilla, credo sia questa la novità”, dice Don Caldwell, che scrive di fenomeni web sul sito Know Your Meme. Dunque, se le regole del gioco sono queste, come evitare quelle esplosioni di suoni e ritmi che sono i successi di Lady Gaga? Da ‘Bad Romance’ a ‘Alejandro’, Germanotta sembra essere la cantante più “rallentata” del momento su YouTube. Ecco così che da una manciata di minuti di musica al cardiopalma si passa ad un quarto d’ora di smielata melodia.



Non si salva neppure l’affascinante Justin Timberlake con ‘Cry Me a River’ che a questa velocità potrebbe fare da colonna sonora a un film dell’orrore. O ‘Baby’ di Justin Bieber che nella versione al ralenti ricorda vagamente ritmi latino americani. E ancora, Rebecca Black con ‘Friday’, i Jonas Brothers e pure Taylor Swift.



Anche se il fenomeno appare recente, uno dei primi esperimenti di time-stretching finito in rete risale al 2002 quando la Nona Sinfonia di Beethoven venne spalmata su ben 24 ore ad opera del gruppo scandinavo dei Leif Inge che la ribattezzarono ‘9 Stretch Beet’. Fu proprio questo brano ad ispirare qualche anno dopo l’ideatore del servizio web gratuito PaulStretch in grado, grazie ad un complicato algoritmo, di “allungare qualsiasi suono”. Insomma, da ritmi scatenati a melodie rilassanti in un click.

SUPER MARIO E GLI ALTRI
- Tuttavia a cadere vittime del nuovo tormentone non sono solo grandi successi dance. Sono diversi gli utenti che su YouTube si sono cimentati nel ralenti dei celebri ritornelli musicali dei videogiochi ispirati a Super Mario o quelli che hanno esteso la sigla della saga di Star Wars a oltre 17 minuti di melodia. Del tutto irriconoscibile, poi, la sigla del cartone animato dei Simpson, per non parlare di quella del telefilm X-Files.



Curiosa, invece, la trovata di un utente che ha pensato di riproporre in versione rallentata la musichetta di apertura di Windows realizzando un medley della durata di oltre tredici minuti che ripercorre l’apertura del celebre sistema operativo dalla versione 3.1 al più recente Windows 7. Se il Pc impiegasse così tanto tempo prima di essere operativo, Bill Gates dovrebbe probabilmente cercarsi un altro lavoro.



NUOVI MODELLI DI BUSINESS – Mentre il fenomeno del time-stretching sta registrando sempre maggiori consensi in Rete (‘Bad Romance’ di Lady Gaga ha collezionato oltre 70 mila visualizzazioni su YouTube), qualcuno ha pensato di trasformarlo da passatempo giocoso a nuova frontiera per gli affari. L’iniziativa riguarda il gruppo musicale dei Bear in Heaven che ha pensato di sfruttare la nuova moda per promuovere l’album in uscita il prossimo aprile. Basta connettersi al sito bearinheaven.com per ascoltare in esclusiva un assaggio delle nuove canzoni del gruppo rock di New York. In versione rallentata, però. E così 44 minuti di musica si trasformano in ben quattro mesi di suoni lenti e mielosi.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky