15 giugno 2012

Cypress Hill: "Questa volta vi faremo ballare"

print-icon
cyp

Cypress Hill (Getty Images)

I Cypress Hill, freschi di un EP a metà strada tra dubstep e hip hop in collaborazione con Rusko, saranno in Italia per due date: il 26 al Rock in Roma e il 27 allo Sherwood Festival di Padova. Ne abbiamo parlato con Sen Dog: ecco l'intervista.

L'anno scorso i Cypress Hill erano venuti in Italia per un concerto storico in compagnia di altre due band di culto dell'hip hop, ovvero i Public Enemy e gli House of Pain. Quest'estate torneranno per altre due date, il 26 giugno al Rock in Roma e il 27 allo Sherwood Festival di Padova, in occasione dell'uscita del loro ultimo progetto: un'EP a metà strada tra hip hop e dubstep in collaborazione con il dj e producer Rusko, intitolato non a caso Cypress X Rusko. Non è certo la prima volta che i Cypress Hill si avventurano in territori musicali differenti, con frequenti incursioni dalle parti del rock, metal, reggae, dancehall e drum'n'bass. E il risultato, ancora una volta, è esplosivo. Abbiamo quindi deciso di parlarne con Sen Dog, mc della band assieme a B-Real: ecco l'intervista.

Com'è stato lavorare con Rusko?

Siamo molto soddisfatti. Mi spiace solo che non ci sia stato il tempo di registrare un album intero, ma solo cinque tracce. Ma non mi stupirei se in futuro facessimo ancora qualcosa assieme.

State lavorando anche a del materiale per conto vostro, per così dire più "classico"?
Al momento ci sono solo delle idee, anche perché ora siamo in tour. Però sì, torneremo a registrare presto, penso a fine anno. Ma non sappiamo ancora se lavoreremo con Muggs.

Vi siete trovati a vostro agio a cantare sopra basi dubstep?
Ci è venuto molto spontaneo, anche perché Rusko ha seguito tutta quanta la fase di realizzazione e ogni volta aggiustava il tiro rispetto a quel che gli proponevamo, così come facevamo noi con le sue basi.



Rusko vi seguirà in tour?
Non sappiamo ancora se Rusko sarà con noi, ma le volte in cui ci siamo esibiti assieme il pubblico è impazzito, per cui non sarebbe male. In ogni caso, ci sarà di sicuro spazio per ballare, ma anche per il nostro repertorio classico. Perciò c'è un solo modo per scoprirlo: venire a sentirci ai nostri due concerti italiani.

A proposito di live: la situazione più strana in cui vi siete esibiti?
Non è una domanda facile... una volta ci siamo esibiti a un festival in mezzo ai boschi, in Scandinavia. Era strano, perché sembrava di essere fuori dal mondo e in più non scendeva mai la notte. Sembrava di essere in un film, era inquietante!

Ultimamente il dubstep è molto di moda: non c'è il rischio che dopo un po' la gente non ne possa più?
Ogni volta che un genere diventa di moda si crea sempre questo fenomeno per cui si tende a esagerare, col rischio di stancare la gente. Ma penso che il dubstep abbia le potenzialità e la struttura per durare nel tempo, anche perché ci sono dietro dei grandi dj. Andrà come sempre: una volta passata l'onda anomala, rimarranno tutti quelli che ci credevano davvero.

Avete sempre mescolato generi musicali: c'è ancora chi vi critica per questo?
Ci criticano in continuazione! Ma sai cosa? Non ce ne frega niente. Siamo i Cypress Hill e la gente sa quel che abbiamo fatto. Come tutti quelli che amano spaziare tra i generi, noi siamo sempre andati avanti per la nostra strada e lo abbiamo fatto con coerenza. Siamo una band hip hop, ma siamo anche una rock band, una metal band, una latin band... il risultato non cambia.

A proposito di band che giocano coi generi: vengono in mente i Beastie Boys, che di recente hanno dovuto salutare Adam Yauch. Loro cos'hanno rappresentato per voi?
Hanno avuto un'influenza fondamentale, soprattutto quando abbiamo cominciato, perché facevano davvero quel che volevano. Facevano punk hop! Nessuno mescolava l'hip hop con tanta libertà e questo ci è stato di ispirazione. Per non parlare della loro attitudine: salivano sul palco e si esibivano bevendo litri di birra... erano fantastici. MCA rimarrà per sempre nella Hall of Fame dell'hip hop.

E se poteste fare la cover di una loro canzone, quale sceglieresti?
Di sicuro Sabotage!

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky