20 giugno 2012

Bossini, il solista della chitarra

print-icon
bos

Niccolò Bossini

Il chitarrista di Luciano Ligabue esce col suo primo disco da solo: si intitola misteriosamente QBNB. E' ventuo a raccontarcelo in redazione a Sky.it. Ecco l'intervista

di Fabrizio Basso

Un desiderio che aleggiava nell'aria e che è stato colto. All'improvviso. Come quando si tende la mano alla coccinella che vola con la speranza che si posi sul palmo della mano. O sul dorso. Perché porta bene. Niccolò Bossini, 34 anni, chitarrista di Ligabue, debutta con un disco da solista dove tira fuori la sua anima di cantautore moderno. Quello che non affida più un messaggio al giro di do o a una lirica ben strutturata. Bossini è venuto a trovarci in redazione, una chiacchierata con Sky.it per spiegarci cosa succede quando un chitarrista esce fuori dal gruppo. Lui che ha sempre fatto, magari da capoclasse, lavoro di squadra.

Bossini come è nasce QBNB?
Era un po' che ci pensavo, almeno tre anni.
Gestazione lunga.
Le dico che ho scritto quasi cento canzoni per arrivare a sceglierne nove.
Oggi i cantautori sono in estinzione?
Lo so che la mia è una sfida difficile, anche se non me lo ricorda.
Per altro nelle precedenti esperienze ha spesso usato l'inglese come lingua.
Ecco perché le dico che è una sfida difficile. Io non faccio musica indie che si può usare l'inglese liberamente.
Doppia fatica.
Strutturalmente mai composto in italiano integrale. Ho spesso composto in inglese lavorando in una seconda fase sulle sonorità.
Dura la vita del cantautore in Italia?
Assai anche perché molti credono che i musicisti abbiamo un conto in banca smisurato. Purtroppo non è così.
La sua agenda dove è posizionata?
In che senso? Come luogo?
Come gestione del calendario.
Lavoriamo un anno per l'altro. Bisogna progettare in questo lavoro.
Per lei l'idea di una vacanza last minute è improponibile?
invece no. So quando ho dei buchi e cerco di colmarli...last minute.
Lei ha sempre lavorato con gruppi, il più longevo i Teachers: nostalgia per il gioco di squadra?
Più che dei gruppi ho nostalgia del passato. Quando penso alle esperienze andate un po' di melanconia arriva ma oggi sono felice di fare ciò che faccio.
Perché correre da solo in un tempo così difficile per la discografia?
Voglio metterci il mio nome. Ecco perché cammino da solo. E' un ruolo nuovo psicologicamente da interpretare.
Farebbe l'autore?
Certo.
Molti storcono il naso.
Perché? Io un pezzo a chi fa Amici o X Factor lo darei. Resta comunque mio.
Progetti live?
Il 21 giugno suonerò praticamente a casa, a Castelnuovo Sotto. Un Festival, una manciata di pezzi. Il 26 sarò a Firenze e quella mi piace considerarla la data zero.
Tour vero?
In autunno.
Scaletta?
Tutto QBNB, qualche cover, da Rino Gaetano a Bob Dylan fino ai Pixies. E qualcuno dei tanti pezzi che non hanno trovato spazio nel disco.
Ma in futuro lo troveranno?
Chissà. Ma credo di sì.
Scusi che vuol dire QBNB?
Un segreto me lo conceda.

I prossimi appuntamenti in Fnac di Niccolò Bossini
Roma: venerdì 22 giugno ore 18.00
Firenze: martedì 26 giugno ore 18.30
Napoli: mercoledì 27 giugno ore 18.00

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky