Caricamento in corso...
16 giugno 2017

Adele batte Taylor Swift e Lady Gaga: i suoi concerti? I più cari

print-icon
Adele batte Taylor Swift e Lady Gaga: i suoi concerti? I più cari

I concerti più cari? Non sono quelli di Taylor Swift, né quelli di Lady Gaga. Ad aggiudicarsi il podio dei biglietti più cari è Adele. A decretarlo è TickPick, sito di compravendita biglietti on-line

È Adele, l’artista donna dai biglietti più costosi. La cantante ventinovenne sale così sul podio, prima di Taylor Swift, Lady Gaga e Beyoncé. Con buona pace dei suoi fan, che sono destinati a spendere un bel po’ di quattrini per aggiudicarsi un posto ad un suo concerto.

Il costo dei biglietti

I fan di Adele, che acquistano i loro biglietti sul sito TickPick, hanno portato la loro beniamina in cima alla classifica delle pop star dai biglietti più cari. Subito dietro di lei, Taylor Swift, Lady Gaga e Beyoncé (ora agli onori della cronaca per il suo parto da 2 milioni di dollari). I supporter di Adele sono disposti a spendere una media di 395,79 dollari per aggiudicarsi un posto ad un suo concerto: a decretarlo, è un sondaggio fatto dal sito stesso prendendo in considerazione le date dal 2013 ad oggi. Per Taylor Swift, la media è 236,65 dollari: ben 160 dollari in meno. In fondo alla classifica delle 10 artiste dai biglietti più cari troviamo Ariana Grande, ferma a 107.12 euro. A stabilire i prezzi, due criteri: il rapporto tra domanda e offerta – che varia in base alla popolarità dell’artista – e la scelta del cantante su dove fare il tour. I biglietti delle star che si esibiscono in grandi contesti (palazzetti dello sport, stadi, arene) avranno prezzi più bassi rispetto ai biglietti di esibizioni in teatri o in location con pochi posti. Infine, a contare, sono anche le date che l’artista fa in ogni singola città. Katy Perry, ad esempio, è molto attenta a questo aspetto: si esibisce sempre all’interno degli stadi, e fissa un paio di date in ogni città.

Adele tra concerti e solidarietà

Per la verità, lo scorso marzo, Adele – dopo un concerto a Mount Smart Stadium, in Nuova Zelanda – aveva sorpreso i suoi fan dichiarando che, quello, avrebbe potuto essere il suo ultimo tour. La motivazione? Il suo rapporto conflittuale con le performance live. «Non so se sono adatte e me, gli applausi mi fanno sentire vulnerabile», aveva dichiarato. Pronunciando queste parole, e dicendo che a motivarla era solamente l’affetto dei suoi fan, la pop star era scoppiata a piangere, mostrando tutta la fatica che, pronunciare quelle parole, le costava. Nonostante quelle dichiarazioni, però, Adele ha continuato – e continuerà - ad esibirsi. Dal 28 giugno al 2 luglio sarà a Wembley. Intanto, la cantante si è presentata a sorpresa alla veglia per le vittime della Greenfell Tower, il grattacielo bruciato a Londra. I suoi fan, su Twitter e su Instagram, hanno documentato l’arrivo della cantante, raccontando di come questa sia arrivata commossa e senza clamori, per portare conforto ai famigliari e agli amici delle vittime. Non è la prima volta che la star mostra la sua sensibilità. A marzo dello scorso anno, dal palco dell’O2 Arena di Londra, aveva reagito agli attentati di Bruxelles dichiarando: «Siamo tutti qui per lo stesso motivo, perché volete sentirmi cantare e io sono qui per cantare per voi, così siamo tutti uniti. Siamo tutte persone migliori di quei bastardi. Andate tutti al diavolo, bastardi», prima di cantare Make you fell my love di Bob Dylan.

 

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky