Caricamento in corso...
20 giugno 2017

Taylor Swift: album da record dopo il ritorno in streaming

print-icon
Taylor Swift album da record

Nonostante non si faccia vedere da un bel po’ di tempo, Taylor Swift riesce comunque a far parlare di sé e a far circolare la sua musica: il merito? Sembra sia stato involontariamente della sua rivale Katy Perry.

L’idea di Taylor Swift di tornare in streaming non è stata male dato che ben quattro album della cantante sono tornati nella Billboard Hot 100.

Taylor Swift torna nella Billboard Hot 100

Poche volte un’artista è riuscita a far parlare di sé anche dopo che era scomparsa da mesi dalle scene musicali: stessa cosa è successa con Taylor Swift, la bionda cantante praticamente sparita ormai da qualche mese. Nessuno sa dove sia né cosa stia facendo: secondo alcune indiscrezioni, rivelate soprattutto dal suo amico Ed Sheeran, Taylor starebbe lavorando al suo nuovo album, che dovrebbe uscire nel periodo natalizio. In tutto questo periodo la bionda cantante non ha voluto dire nulla, quindi non sappiamo se la versione di Ed Sheeran sia vera o meno. Una cosa però è certa, mai come in questo periodo il nome di Taylor Swift è tornato prepotente sulle nostre bocche: e adesso che è tornata in streaming su Spotify, anche la sua musica è tornata a dominare le classifiche mondiali. Ben quattro dei suoi album sono tornati a dominare la Billboard Hot 100: l’ultimo disco, 1989, è addirittura tra le prime 40 posizioni. L’ascolto delle canzoni di Taylor Swift è schizzato del 551%, segnando un record assoluto per la cantante che, ancora adesso, non è uscita dal suo isolamento.

La vendetta silenziosa di Taylor Swift

Negli ultimi tempi si era tornato a parlare molto di Taylor Swift soprattutto in relazione alla faida con Katy Perry: a essere sinceri bisogna dire che è stata quest’ultima a tirare ancora una volta in ballo Taylor, prima annunciando una collaborazione con il suo ex fidanzato Calvin Harris, e poi tornando a parlare di lei. Varie volte Katy ha rilasciato interviste parlando dei loro litigi e dicendo che avrebbe voluto Taylor le chiedesse scusa, ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata una delle canzoni di Katy Perry presenti nel nuovo album, “Swish Swish” palesemente dedicata alla rivale e che di certo non usava parole carine nei suoi confronti. Taylor Swift non ha commentato assolutamente il nuovo brano di Katy Perry ma, puntuale come un orologio svizzero, ha rimesso la sua musica su Spotify proprio il giorno in cui usciva “Witness”, il nuovo album di Katy Perry. Oscurando ovviamente il successo della cantante.

La marcia indietro di Katy Perry

Dopo aver visto di cosa era capace Taylor Swift e visto che la sua prova di forza nei suoi confronti non era andata esattamente come sperava, Katy Perry ha deciso di chiedere scusa a Taylor Swift e chiudere così definitivamente la faida che le accompagna da anni. “La perdono e mi scuso per tutto quello che ho fatto. E spero che per lei sia lo stesso. Penso che sia arrivato il momento di fare pace. Insomma, ci sono problemi più grossi, e molto più reali, al mondo. Le voglio bene, e voglio tutto il meglio per lei. Penso che sia una componitrice fantastica. Io e lei potremmo essere un esempio di donne forti che si uniscono nonostante le differenze, e se lo facciamo noi magari il resto del mondo può arrivare a pensare, sì, perché no, anche noi possiamo”. Un ulteriore esempio della sua buona volontà? Ha cambiato il testo di “Swish Swish”.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky