Caricamento in corso...
30 giugno 2017

Depeche Mode a Bologna: l'entusiasmo dei fan al grande concerto

print-icon
Depeche Mode in concerto

Il concerto al Dall’Ara di Bologna dei Depeche Mode ha attirato l’attenzione di fan vecchi e nuovi, trascinando nell’entusiasmo del momento intere generazioni innamorate della band elettronica britannica più cool dell’estate bolognese 2017.

Il concerto era allo stadio, ma lo spettacolo è cominciato già all’esterno dell’Hotel Majestic dove la band ha trascorso la notte. Bologna ha richiesto normative di traffico speciali per poter accomodare un concerto così grande e importante come quello dei Depeche Mode.

Le grandissime aspettative

Lo show è letteralmente cominciato sulle colonne di via Indipendenza, mentre la band usciva dall’Hotel Majestic e i fan si accalcavano per vederli un po’ più da vicino. La folla li ha seguiti, portandoli quasi in trionfo, fino allo stato Dall’Ara. Tra la gente, un pubblico assolutamente eterogeneo e tutto da meravigliarsi: non solo i fan di lunga data e gli ammiratori che seguono la band sin dagli anni ’80, ma anche giovani e giovanissimi, attratti dal sound senza tempo dell’elettronica dei Depeche Mode.

Tra le canzoni più attese da nuovi e vecchi irriducibili, uniti per una sera nella magica atmosfera tipica dei concerti dei big della musica mondiale, c’erano naturalmente le canzoni più iconiche della loro carriera, e qualche cammeo speciale alla carriera di grandi artisti che hanno ispirato i Depeche Mode a diventare quelli che sono oggi. Oltre alla celebre “Enjoy the Silence”, cantata a gran voce da tutto lo stadio, l’immancabile e imperdibile “Personal Jesus” e, contro ogni aspettativa, la band ha suonato in esclusiva per Bologna (e non per Milano) la splendida e imperdibile “Strangelove”, una canzone da ascoltare dal vivo almeno una volta nella vita.

Ecco la track list definitiva del concerto dei Depeche Mode di Bologna

Contrariamente alle aspettative, le canzoni si sono susseguite in ordine un po’ diverso rispetto ai concerti di Milano e Roma, lasciando di stucco i fan bolognesi che hanno accolto con grande entusiasmo le variazioni tutte speciali. Inizialmente hanno dato il la al concerto due brani registrati, di cui uno di particolare valenza storica (Beatles) e grande pertinenza con il loro nuovo singolo, “Where’s the Revolution”, un grande successo degli ultimi tempi. Commovente la dedica dei Depeche Mode al Duca Bianco, scomparso l’anno scorso, che ha lasciato un grande vuoto nel mondo della musica. “Heroes” di David Bowie non emoziona solo per il suo contenuto, ma anche per la grande umiltà con cui David Gahan, professionista dalla carriera trentennale, ha deciso di ricordare un mostro sacro, facendo spazio nella sua già fittissima track list da concerto. Grazie Depeche Mode, anche voi siete stati eroi per (almeno) un giorno!

  1. INTRO - Revolution (Beatles)
  2. INTRO - Cover Me (remix strumentale)
  3. Going Backwards
  4. So Much Love
  5. Barrel of a Gun
  6. A Pain that I’m Used To
  7. Corrupt
  8. In Your Room
  9. World in My Eyes
  10. Cover Me
  11. Judas
  12. Poison Heart
  13. Where’s the Revolution
  14. Wrong
  15. Everything Counts
  16. Stripped
  17. Enjoy the Silence
  18. Never Let Me Down

ENCORE

  1. Strangelove
  2. Walking in my Shoes
  3. “Heroes”, cover di David Bowie
  4. I Feel You
  5. Personal Jesus

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky