Caricamento in corso...
05 luglio 2017

Vasco Rossi: dopo i record di Modena Park ecco le bufale

print-icon
Vasco Rossi: dopo i record di Modena Park ecco le bufale

Tante bufale dopo il Vasco Rossi Modena Park: il concerto dei record farà parlare di sé ancora per tantissimo tempo ma nei giorni seguenti si sono subito diffuse notizie false sull’evento. Alcune, dobbiamo dirlo, davvero divertenti.

Dopo Modena Park, concerto entrato nella storia della musica con i suoi record, i fan di Vasco Rossi si sono allarmati per una serie di bufale. Le notizie false intorno ad alcuni aspetti del grande evento si sono diffuse in rete in maniera virale, anche se alcune fanno davvero ridere. Altre, meno: ecco tutte la fake news su Modena Park.

Vasco Rossi e Modena Park: perché abbiamo creduto alle bufale

Forse era inevitabile, forse no, ma dopo gli incredibili record registrati dal Vasco Rossi Modena Park arrivano anche una serie di altri “primati” piuttosto strani. A prima vista chiunque poteva crederci, anche perché, nelle settimane precedenti, i fan di Vasco e tutto il popolo italiano avevano letto una serie di notizie e provvedimenti in vista di Modena Park davvero incredibili. La sospensione degli Esami di Maturità a Modena, per dirne una, poteva sembrare una bufala invece era una notizia vera, esattamente come la cancellazione dei funerali, la chiusura dei cimiteri e delle chiese vicine, facendo saltare la messa delle 18 nella parrocchia di Gesù Redentore. Tutto vero, anche se è incredibile, e nel tempo ci siamo talmente assuefatti ai record del concerto del Blasco da non stupirci di alcuna notizia successiva. Abbiamo creduto, per esempio, alla presenza del bimbo di 7 mesi, ed era vero, come per la notizia del fan che si era accampato un mese prima dall’evento a Modena. Era dal 29 maggio che aspettava Vasco Rossi! Anche qui, niente di falso. Per Modena Park, poi, sono arrivati persino messaggi dal Polo Sud: a questo ovviamente dovevamo credere, perché la notizia è stata data proprio da Vasco Rossi sul suo profilo Facebook ufficiale. Insomma, dai 225mila fan, record mondiale per un concerto, alle oltre 40 canzoni cantate dal rocker di Zocca, ai complimenti addirittura del nemico-amico Ligabue: tutto questo ci ha preparati a credere a tutto ciò che ruota intorno a Modena Park. Ecco perché abbiamo pensato che persino queste bufale fossero vere.

Le bufale su Vasco Rossi e Modena Park

La prima bufala che si è diffusa come un virus sul web, contagiando anche qualche testata giornalistica di rilievo, è quella degli oggetti ritrovati al parco Ferrari a concerto finito. Vi riportiamo integralmente il testo che abbiamo visto condividere globalmente su tutti i nostri social e su diversi siti di informazione. E, diciamocelo, ci siamo fatti tutti una sonora risata. “111 Smartphone, 3 Tablet, 1200 mazzi di chiavi, 670 paia di occhiali, 120 confezioni di preservativi, 1 Rolex in acciaio, 51 carte di credito, 170 scarpe, 1 pigiama da uomo, 2 stampelle, 29 felpe, 60 reggiseni, 2 materassini gonfiabili, più di 2mila euro in contanti, 12 assorbenti per adulti incontinenti, 33 sacchi a pelo, 1 statuetta in legno di Padre Pio e 28 sex toys”. Ecco l’elenco, diventato virale, degli oggetti smarriti dopo il concerto. Forse dovevamo capire che si trattava di una bufala dalla statuetta di Padre Pio, mentre dopo il flash mob dei reggiseni e i topless andati in diretta tv forse ci siamo stupiti meno riguardo profilattici e sex toys. Come non credere al pigiama e ai sacchi a pelo, visto che molti si erano accampati da giorni al parco. Insomma, un po’ ci sentiamo giustificati, ma in ogni caso è tutto falso. Tutta una bufala, come la notizia della visita di Vasco Rossi in ospedale ai fan impossibilitati a presenziare al suo concerto: la foto diffusa, in effetti, era vera, ma risalente al 2016. Infine, tra le fake news, c’è anche il ricovero del rocker dopo il concerto per problemi respiratori, che addirittura avrebbe dovuto subire un’operazione. Niente di vero, con buona pace dei fan in questo caso.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky