Caricamento in corso...
28 luglio 2017

Alessandra Amoroso multata per il video "Fidati ancora di me"

print-icon
Alessandra Amoroso

“Fidati ancora di Me” è il nuovo video di Alessandra Amoroso realizzato tra le case popolari del quartiere romano di Tor Marancia. Sembra che però non abbia chiesto le dovute autorizzazioni e che l’Ater non l’abbia presa benissimo.

Alessandra Amoroso, una delle popstar più amate dal pubblico italiano, sembra essere finita in dei guai giudiziari per la realizzazione del video “Fidati ancora di Me”.

Il video realizzato a Tor Marancia

Il video realizzato da Alessandra Amoroso per la sua canzone “Fidati ancora di Me”, presente nel suo album “Vivere a Colori” ha destato una grande ondata di polemiche. Si è scoperto proprio recentemente che l’Ater, nella persona del suo direttore generale Franco Mazzetto, ha presentato in Procura una denuncia – querela contro la cantante. Il motivo? Il video di Alessandra Amoroso, “Fidati ancora di Me”, è stato realizzato da Alessandra Amoroso e il suo staff nel quartiere romano di Tor Marancia, e la cantante per la sua clip ha utilizzato i palazzi popolari dell’Ater, senza però richiedere nessuna autorizzazione all’ente. Cosa che non è stata digerita dai vertici Ater, che hanno deciso di procedere per vie legali contro Alessandra Amoroso chiedendo un risarcimento danni di 3mila 500 euro. Secondo quanto ricostruito, sembra che la cantante e il suo staff abbiano prima inoltrato una richiesta all’ente per l’utilizzo degli edifici, e gli era stato comunicato il costo: 2mila e 500 euro di caparra più mille euro di affitto del posto giornaliero. Secondo quanto riportato dall’Ater però, la produzione di Alessandra Amoroso aveva detto che avrebbero valutato altre opzioni, quindi l’ente aveva creduto che la popstar avesse accantonato l’ipotesi. Invece poi la scoperta del video “Fidati ancora di Me”, realizzato proprio tra le case popolari di Tor Marancia, che ha fatto scattare la denuncia. I reati ipotizzati da Ater sono invasione e truffa, ma è la procura che dovrà decidere come e se procedere.

La risposta di Alessandra Amoroso

Bmovie Italia è la società che ha realizzato il video di Alessandra Amoroso, che lavora con la casa discografica Sony Music, e ha diffuso un comunicato stampa in cui si nega qualsiasi responsabilità di Alessandra Amoroso e, soprattutto, che l’artista abbia agito ai danni dell’Ater. “La scelta, da parte di Bmovie Italia, dell’area di Tormarancia per la realizzazione di parte del video ‘Fidati ancora di me’ dell’artista Alessandra Amoroso, è stata fatta per la presenza di graffiti di grande valore artistico; chiedendo, pertanto, l’autorizzazione alla titolare dei diritti di sfruttamento delle opere in oggetto, la 999Contemporary, che ne ha autorizzato la fruizione ai fini delle riprese video. L’artista si è resa inoltre disponibile, a titolo gratuito e a margine delle riprese del video, alla realizzazione di un video messaggio per il quartiere Tor Marancia e il Museo condominiale di Tor Marancia – the Big City Life project, nel quale invita la cittadinanza e i suoi numerosi fan a visitare il Museo a cielo aperto, che ha definito uno spettacolo”. Adesso ovviamente sono stati presi contatti legali per cercare di risolvere la questione, soprattutto dopo il primo articolo apparso su Il Corriere della Sera.

Il successo di Alessandra Amoroso

Nata nel 1986, Alessandra Amoroso è una delle cantanti più amate dal pubblico italiano: definita la nuova Mina, i suoi concerti ogni volta vanno sold out e sono milioni le persone che la seguono per la sua musica strabiliante.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky