Caricamento in corso...
12 ottobre 2017

X Factor 2017 e i Bootcamp: dove eravamo rimasti?

print-icon

Dove eravamo rimasti dopo la prima puntata dei Bootcamp di X Factor 2017? La settimana scorsa sono state tante le soprese, come tante (e sofferte) anche alcune decisioni dei primi due giudici che hanno formato la propria squadra.

L’undicesima edizione di X Factor è partita con tanta voglia di ricominciare, soprattutto per quanto riguarda i fan, e con alcune novità, come per esempio Levante, giudice che ha già conquistato tutti, e le cinque sedie dei Bootcamp. A proposito: dove eravamo rimasti?

X Factor 2017: la prima puntata dei Bootcamp

Finalmente, dopo tre puntate dedicate alle Audition e, quindi, alla selezione dei concorrenti, arriva il momento dei tanto attesi (e temuti) Bootcamp di X Factor 2017. La prima puntata è andata in onda giovedì scorso puntualissima come sempre e, dalle 21.15 su Sky Uno, i quattro giudici hanno dato il via a una grande prima scrematura che porterà i concorrenti al numero finale di 12 per i Live. Dove eravamo rimasti? Facciamo un piccolo riassunto: prima di tutto, i concorrenti da selezionare erano troppi, vista la generosità dei “sì” arrivati da Fedez, Manuel, Levante e Mara durante i casting. Dunque, si presenta una situazione complessa, ma i quattro cercatori del fattore “x” sono piuttosto determinati, soprattutto Mara Maionchi che diverte, fin da subito, con i suoi commenti e strappa allegre risate ai colleghi. Cambio di scena: Alessandro Cattelan, frizzante e perfetto come sempre, sale sul palco insieme ai 48 concorrenti rimasti in gara e il momento è catartico: il conduttore sta per annunciare le categorie dei giudici.

Fedez "Che ansia!"

Fedez è visibilmente ansioso, e lo dimostra guardando attentamente quello che succede sul palco, sperando di ottenere la categoria che tanto desidera: nel corso delle audizioni, infatti, aveva manifestato una certa perplessità in caso gli fossero capitati gli Over, categoria con cui, finora, non si è ancora messo alla prova. Ma tutto va alla grande e al rapper milanese vengono aggiudicati gli Under Uomini. La selezione di Fedez ha inizio e sul palco rivediamo tutti i più grandi protagonisti che ci hanno commosso, stupito ed emozionato durante le Audition. Uno su tutti? Samuel Storm, il 19enne nigeriano che ha raccontato la sua drammatica avventura per arrivare in Italia. La sua voce? È un graffiante velluto e incanta tutti con “Skinny Love” di Birdy. Fedez incluso, visto che, per lui, sarà il primo switch. Il meccanismo delle sedie, che da sei sono diventate cinque, quest’anno, mette a dura prova il fidanzato di Chiara Ferragni, ma alla fine la sua squadra è al completo: oltre a Samuel, gli Under Uomini sono formati da Gabriele Esposito, che ci riprova dopo essere stato eliminato proprio ai Bootcamp 2016 da Arisa, Kamless Kishnah, Domenico Arezzo e Lorenzo Bonamano.

I Bootcamp di Manuel Agnelli

Dopo i Bootcamp di Fedez, arriva il momento di un altro giudice, colui che guiderà i gruppi a X Factor 2017: come in tanti speravano, lui in primis, si tratta di Manuel Agnelli, grande rivelazione della scorsa edizione del programma. Il frontman degli Afterhours inizia la sua scrematura, accogliendo le dodici band in gara. I fan del programma non vedevano l’ora di ascoltare di nuovo The Heron Temple, che si aggiudicano la prima sedia e non si muoveranno più da lì. I colleghi con cui si contenderanno l’accesso ai Live agli Home Visit? Ana e Carolina, “le spagnole di Madrid”, Sem & Stenn, i Maneskin e i Ros. Cosa succederà durante la seconda parte dei Bootcamp?

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky